app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
diritti tv serie a

Diritti tv Serie A: cambiare prima che sia troppo tardi

Dazn in perdita del 30% rispetto agli ascolti Sky di un anno fa, mentre la Premier League all’estero vale dieci volte il nostro campionato. Urge fantasia e un cambio di rotta sui diritti dv della Serie A, prima che sia troppo tardi.
|

Diritti tv Serie A: cambiare prima che sia troppo tardi

Dazn in perdita del 30% rispetto agli ascolti Sky di un anno fa, mentre la Premier League all’estero vale dieci volte il nostro campionato. Urge fantasia e un cambio di rotta sui diritti dv della Serie A, prima che sia troppo tardi.
|

Diritti tv Serie A: cambiare prima che sia troppo tardi

Dazn in perdita del 30% rispetto agli ascolti Sky di un anno fa, mentre la Premier League all’estero vale dieci volte il nostro campionato. Urge fantasia e un cambio di rotta sui diritti dv della Serie A, prima che sia troppo tardi.
|
|
Dazn in perdita del 30% rispetto agli ascolti Sky di un anno fa, mentre la Premier League all’estero vale dieci volte il nostro campionato. Urge fantasia e un cambio di rotta sui diritti dv della Serie A, prima che sia troppo tardi.

Ibra è l’ultima star, a 41 anni e con le ginocchia malandate. Ora il campionato italiano, in vacanza dopo una stagione mediocre, deve reinventarsi. Niente sogni distopici su stadi moderni e funzionali, servono campioni e un prodotto televisivo di qualità. Le basi. I dati Auditel sull’audience del massimo campionato – Dazn in perdita del 30% rispetto agli ascolti di Sky dell’anno precedente – confermano che la Serie A piace poco da anni, ancora di meno nell’era Dazn. La distanza con la Premier League è siderale: fuoriclasse, intensità, stadi pieni e quella partecipazione emotiva a un evento che non fa cambiare canale. I diritti tv della Premier sono venduti all’estero fino al 2025 per sei miliardi di euro. Per la Serie A ci sono appena 600 milioni.

Servono i talenti che accendono fantasie. E in attesa che i club la smettano di legare le entrate ai soli diritti tv, si avanzi una riflessione sulla confezione dell’italico prodotto televisivo. Mediaset ha fatto il pieno di ascolti per la finale di Coppa Italia tra Inter e Juventus. Partita accesa, nessun segnale che sparisce o una maledetta rotellina che gira a vuoto per minuti. La Serie A invece annoia e perde spettatori. Tra due anni l’esclusiva di Dazn si esaurisce e ci sarà un nuovo bando (al ribasso) per la vendita dei diritti tv. Un anno fa i presidenti della Serie A si sono lasciati ingolosire dall’assegno più che da Dazn, mai scelta fu più sbagliata. Si deve rimediare in corsa, dirottando i diritti Dazn su Amazon, su Sky. Si faccia quanto prima.

Di Nicola Sellitti

“Illeciti gravi, prolungati e ripetuti” nel -15 alla Juve

La Corte d’appello della Figc spiega la sentenza: “Un sistema di plusvalenze fittizie con scopi f…

Pioli WAS on fire

Inspiegabile inizio 2023 per il Milan campione in carica. È la fine del piolismo?

Zaniolo, prima che sia troppo tardi

Il caso Zaniolo è figlio di un calcio ansiogeno. Il centrocampista, che ha rotto con la Roma, non…

Gianmarco Tamberi: “No Indoor, mi ricarico per Mondiali e Giochi 2024”

Intervista a Gianmarco Tamberi, che ci rivela: “Emoziona pensare che fra 50 anni si parlerà anco…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl