app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Ho visto Maradona

Da ragazzino ho visto Maradona, per la prima volta un giovedì pomeriggio al San Paolo. Riuscivamo ad intrufolarci allo stadio fingendoci inviati di improbabili radio locali. Diego era il più grande di ogni epoca.
| ,

Ho visto Maradona

Da ragazzino ho visto Maradona, per la prima volta un giovedì pomeriggio al San Paolo. Riuscivamo ad intrufolarci allo stadio fingendoci inviati di improbabili radio locali. Diego era il più grande di ogni epoca.
| ,

Ho visto Maradona

Da ragazzino ho visto Maradona, per la prima volta un giovedì pomeriggio al San Paolo. Riuscivamo ad intrufolarci allo stadio fingendoci inviati di improbabili radio locali. Diego era il più grande di ogni epoca.
| ,
| ,
Da ragazzino ho visto Maradona, per la prima volta un giovedì pomeriggio al San Paolo. Riuscivamo ad intrufolarci allo stadio fingendoci inviati di improbabili radio locali. Diego era il più grande di ogni epoca.
L’ho visto la prima volta non alla partita ma da vicino, un giovedì pomeriggio al San Paolo. All’epoca il Napoli giocava a metà settimana una partitella d’allenamento con la Primavera o coi dilettanti della zona. Noi ragazzini, con il sogno di fare i giornalisti e la passione azzurra destinata a restare senza tempo, riuscivamo a intrufolarci nelle viscere dello stadio, facendoci passare per inviati di improbabili radio locali. Era una pura recita, tollerata dall’addetto stampa del Napoli di allora, il finto burbero e compianto Carlo Iuliano. Chiudeva tutti e due gli occhi e ci permetteva, con i nostri tesserini autocostruiti e falsissimi, di accedere al terreno di gioco, seguire la partitella e soprattutto Lui. Che se era in buona, accettava anche di fermarsi con noi ragazzini e rispondere a qualche veloce e impacciata domanda, registrata con un rudimentale walkman. Riassumiamo: Diego Armando Maradona, il più grande di ogni epoca, poteva ‘rilasciare’ un’intervista a un diciassettenne di Radio Palepoli. Ve lo assicuro, perché quel diciassettenne ero io. L’ultima volta l’ho visto nelle viscere non più del San Paolo, futuro Maradona, ma del Real Teatro di San Carlo. Era da poco terminato lo spettacolo organizzato da Giancarlo Siani in suo onore e condotto dallo stesso Diego. Riuscii ad avvicinarlo, perché Siani è un ragazzo di parola e mi aveva garantito quella chiacchierata. Ricordo la stanchezza negli occhi del Diez, che non era frutto della fatica della serata. Ricordo il sorriso e la disponibilità che mi riservò, perché ‘presentato’ da Siani. Come hanno ripetuto fino allo sfinimento amici e compagni di squadra, Diego era tante cose, ma era un uomo che sapeva voler bene a chi gli tendeva la mano senza interessi. Molti hanno parlato male di lui, fra questi nessuno che abbia giocato con lui. Sì, ho visto Maradona.   di Diego de la Vega

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Gp Monaco, Leclerc in pole davanti a Piastri e Sainz

25 Maggio 2024
La Ferrari di Charles Leclerc conquista la pole position nel Gp di Monaco sul circuito cittadino…

Milan e Pioli si separano a fine stagione, arriva la nota ufficiale

24 Maggio 2024
Ora è ufficiale, Ac Milan e Stefano Pioli si separano a fine stagione: “nella prossima stagione …

Gli “Atalantini nati” il giorno in cui l’Atalanta ha vinto l’Europa League

23 Maggio 2024
All’ospedale “Papa Giovanni” di Bergamo i bambini nati il giorno della vittoria dell’Atalanta in…

Sorteggio Roland Garros: Sinner sfida Eubanks. È subito Nadal contro Zverev

23 Maggio 2024
Si è concluso il sorteggio del tabellone maschile del Roland Garros, che ha regalato certamente …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI