app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Il Milan resta un affare americano

Dopo la vittoria dello scudetto il Milan si ritrova una nuova proprietà, il fondo americano RedBird.
|

Il Milan resta un affare americano

Dopo la vittoria dello scudetto il Milan si ritrova una nuova proprietà, il fondo americano RedBird.
|

Il Milan resta un affare americano

Dopo la vittoria dello scudetto il Milan si ritrova una nuova proprietà, il fondo americano RedBird.
|
|
Dopo la vittoria dello scudetto il Milan si ritrova una nuova proprietà, il fondo americano RedBird.

Un Milan in stile yankee. O forse Red Bull. Il club rossonero in dieci giorni vince lo scudetto e si ritrova una nuova proprietà, il fondo americano RedBird, altro prodotto del private equity, con quote nel Tolosa e nel Liverpool, che arriva per fare affari in Italia. Lultimo è stato Stephen Pagliuca all’Atalanta, poco prima 777 Partners al Genoa.

Red Bird investe 1,3 miliardi di dollari per il 70% del pacchetto azionario. La parte restante resta a Elliott, fondo assai criticato negli anni che però ha ripianato i debiti e vinto pure il campionato. Certo, colpisce la distanza nella valutazione accreditata al Milan rispetto ai cinque miliardi di euro che il magnate di editoria e videogame Todd Boehly ha sborsato a Roman Abramovich per il Chelsea, cifra fuori mercato nonostante loligarca russo seguace di Putin sia stato costretto a privarsi dei Blues dalla Premier League e dal governo britannico. Ma è il valore della Premier a marcare la differenza: nel report di Brand Finance sul valore del core business dei club europei, il Chelsea è nella top ten come altre quattro società inglesi. Il Milan invece non c’è, si vedrà se la nuova proprietà rossonera saprà ridurre il gap, rendendo davvero il Diavolo un brand globale come i New York Yankees, la squadra di baseball più famosa della Major League Baseball in cui RedBird ha investito.

Anche se lidea di un Milan media company che parta dallo sport per invadere lentertainment e la comunicazione globale rimanda più al modello (fortunato) Red Bull.

Di Nicola Sellitti 

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Troppo Djokovic per Musetti, serbo in finale contro Alcaraz

12 Luglio 2024
Novak Djokovic, che ha già vinto 7 volte Wimbledon, vola in finale del torneo londinese dopo ave…

Coppa Wimbledon, fragole e panna

12 Luglio 2024
Costumi e ricorrenze sul verde del tennis inglese. In termini di marketing l’avventura si chiama…

La meravigliosa Italia di Jasmine

12 Luglio 2024
La bellezza della sfida agonistica della semifinale di ieri pomeriggio a Wimbledon, vinta da Pao…

Estasi Paolini, e finale a Wimbledon!

11 Luglio 2024
Jasmine Paolini batte la croata Donna Vekic e vola alla finale di Wimbledon. Ora è tra le miglio…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI