app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Musetti Wimbledon

Musetti in paradiso a Wimbledon, l’Italia non è solo Sinner

Il campo numero 1 di Wimbledon come un teatro. Sul palco, a dipingere tennis come si vede davvero raramente, è salito Lorenzo Musetti

|

Musetti in paradiso a Wimbledon, l’Italia non è solo Sinner

Il campo numero 1 di Wimbledon come un teatro. Sul palco, a dipingere tennis come si vede davvero raramente, è salito Lorenzo Musetti

|

Musetti in paradiso a Wimbledon, l’Italia non è solo Sinner

Il campo numero 1 di Wimbledon come un teatro. Sul palco, a dipingere tennis come si vede davvero raramente, è salito Lorenzo Musetti

|
|

Il campo numero 1 di Wimbledon come un teatro. Sul palco, a dipingere tennis come si vede davvero raramente, è salito Lorenzo Musetti

Il campo numero 1 di Wimbledon come un teatro. Sul palco, a dipingere tennis come si vede davvero raramente, è salito Lorenzo Musetti. Un italiano. Un altro italiano in fondo in un torneo del Grand Slam. Battuto in cinque set lo statunitense Fritz, testa di serie numero 14, tutto è apparecchiato per una sfida stellare in semifinale con Novak Djokovic, che Musetti ha già battuto in passato. Si sogna dunque, il giorno dopo l’eliminazione di Sinner e l’accesso in semifinale di Jasmine Paolini.
Facilità di gioco disarmante e idee chiare per oltre tre ore di gioco: è il nuovo Musetti, quello che se aggiunge un po’ di sano metodo a quel talento anarchico sconfinato che gli viene riconosciuto da anni, chissà dove può arrivare. Per ora, a 22 anni, è tra i primi quattro a Wimbledon.

In palla sin dall’inizio, il suo terzo set appartiene alla letteratura di questo sport. Per gli amanti in crisi di astinenza da due anni di Roger Federer, è parso di rivedere tracce dello svizzero quando, salendo sulla sua personalissima nuvola, metteva la pallina praticamente dove voleva, quasi usasse la mano e non la racchetta. Quei 6-0 o 6-1 a Nadal, Hewitt, Roddick, senza appello. Così, Musetti, tra ricami, pallonetti, variazioni di gioco, disimpegni soavi sull’erba che appartengono a un’epoca remota, al tennis degli anni ‘70 con la racchetta in legno. Si è invaghita di lui per un lob anche Keira Knightley: Musetti un po’ Roger, un po’ McEnroe (gli somiglia anche quando serve) e tanta illusione, perché così a lungo non è possibile giocare. Forse solo Alcaraz al meglio, a questi livelli di bellezza.

E infatti si è tornati alla realtà, perché Musetti così è, umorale e meraviglioso, si distrae, si perde, si rammarica, perde punti in serie. Così ha lanciato alle ortiche il quarto set, rianimando il solido e meno talentuoso Fritz, travolto sino a pochi minuti prima, stranito dalla bellezza del gioco dell’italiano. E quindi, quinto set: rieccolo Lorenzo, Ziggy Stardust che piomba su Wimbledon, con rovesci tagliati a una mano che fanno spellare le mani al pubblico londinese. Gli è riuscito tutto, il braccio destro come il joystick di un videogame. Di nuovo sulla sua nuvola. Poesia in movimento. Poesia italiana.

di Nicola Sellitti

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Storie da baby fenomeni, storie per la Storia

14 Luglio 2024
Yamal contro Bellingham, la meglio gioventù del calcio europeo. È l’anticipo della prossima deca…

Grazie, Jasmine

13 Luglio 2024
Jasmine Paolini sconfitta in finale a Wimbledon. L’azzurra viene battuta dalla ceca Barbora Krej…

L’invenzione della pallina da tennis

13 Luglio 2024
Nel 1850 fece la sua comparsa sul mercato la prima pallina da tennis in gomma vulcanizzata, che …

Troppo Djokovic per Musetti, serbo in finale contro Alcaraz

12 Luglio 2024
Novak Djokovic, che ha già vinto 7 volte Wimbledon, vola in finale del torneo londinese dopo ave…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI