app-menu Social mobile

Inquadra e leggi gratis
La Ragione su app
  • Home
  • Life
  • Sport
  • Rumors di una nuova Superlega a misura di tifoso

Rumors di una nuova Superlega a misura di tifoso

Le big del calcio starebbero pensando a una Superlega europea. Ad aprile il progetto dei “club separatisti” durò 48 ore, anche per le insurrezioni dei tifosi. Ma ora si fa strada una competizione rinnovata che soddisfi anche i fan. 

|

Per molti il desiderio dei club più ricchi di creare la Superlega europea risale a 6 mesi fa. Ma già negli anni ‘90 i club più blasonati, insoddisfatti della divisione dei ricavi, iniziarono a progettare questo campionato d’élite. Il fatto che cadenzialmente si torni a parlare di Superlega racconta delle reali intenzioni di mettere la parola fine sul progetto.

Il grido “Il calcio è del popolo” sembra avere sortito i propri effetti, ma alla lunga sarà un correttivo, non un impedimento definitivo. Non perché sia irrilevante, ma solo perché se il calcio è del popolo, i club sono delle società, e le società non possono dimenticarsi che il loro scopo è quello di produrre utili.

Un documento arrivato nelle mani del settimanale economico tedesco Wirtschaftswoche conferma la volontà dei club di ripartire con il progetto, ma con una grande novità. L’intenzione sarebbe quella di aprire la Superlega a tutti i club europei introducendo il criterio del merito sportivo tanto invocato dai tifosi insorti ad aprile.

“Ci impegniamo affinché il formato della Superlega europea proposto abolisca il concetto di membri permanenti”, si legge nel documento.

LE NOVITÀ DELLA “NUOVA” SUPERLEGA

Dalle indiscrezioni risulterebbe l’intenzione di creare 2 leghe –  non una, dunque! – entrambe composte da 20 squadre. Ancora non è chiaro quanto la prima lega sarebbe più importante della seconda, quest’ultima aperta a tutti i club europei.

“C’è l’interesse degli altri club a lavorare con noi non appena la Corte di Giustizia Europea avrà chiarito le basi legali”, ha affermato l’organizzazione della Superlega che attende la risposta di Lussemburgo.

Ricordiamo infatti che la Corte di Giustizia si pronuncerà su un eventuale abuso di posizione dominante da parte della UEFA, questione pregiudiziale posta dal Tribunale di Madrid dopo le sanzioni minacciate ai club fondatori dall’organo presieduto da Aleksander Ceferin.

La saga della Superlega è pronta a vivere un nuovo capitolo all’insegna del motto: il calcio è dei tifosi e le squadre sono delle società.

di Giovanni Palmisano

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl