app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
sinner contratto con nike

Sinner, il contratto con Nike e non solo: è lui il volto dello sport italiano

Il contratto di Sinner con Nike (150 milioni di euro in dieci anni) è solo uno dei tanti riconoscimenti degli sponsor per il giovane tennista. Il volto dello sport italiano è lui.
|

Sinner, il contratto con Nike e non solo: è lui il volto dello sport italiano

Il contratto di Sinner con Nike (150 milioni di euro in dieci anni) è solo uno dei tanti riconoscimenti degli sponsor per il giovane tennista. Il volto dello sport italiano è lui.
|

Sinner, il contratto con Nike e non solo: è lui il volto dello sport italiano

Il contratto di Sinner con Nike (150 milioni di euro in dieci anni) è solo uno dei tanti riconoscimenti degli sponsor per il giovane tennista. Il volto dello sport italiano è lui.
|
|
Il contratto di Sinner con Nike (150 milioni di euro in dieci anni) è solo uno dei tanti riconoscimenti degli sponsor per il giovane tennista. Il volto dello sport italiano è lui.

Il decennale con Nike da 150 milioni di euro, poco prima la sfilata con griffe Gucci a Castel Del Monte. Eppoi lo spot con Alfa Romeo. Jannik Sinner è ormai il volto dello sport italiano. Il passaggio del testimone, almeno mediatico, con Valentino Rossi e Federica Pellegrini si è compiuto. Il Dottore si è ritirato, la Divina si sposa e ha lasciato la vasca, nel calcio di eroi non se ne vedono da un pezzo, la stella non c’è. Non si intravede neppure.

Solo Marcel Jacobs, per quella medaglia d’oro olimpica nei 100 metri a Tokyo 2020 e il viso telegenico, se la gioca con Jannik. Ma l’atletica purtroppo si prende il centro del palcoscenico solo alle Olimpiadi e in Italia un asso vero della racchetta manca da quasi 40 anni.

E quindi all-in su Sinner, il predestinato. A suo agio un po’ ovunque. Un timido che impara in fretta. Nike ci crede e ci investe; così Lavazza, Rolex e un altro manipolo di marchi che lo portano già al top per incassi annuali (19 milioni), più del russo Medvedev che ha già vinto un paio di prove del Grand Slam.

Ora però arriva la parte più difficile per Sinner: reggere il passo sul rettangolo di gioco, accompagnare l’endorsement collettivo di pubblico e sponsor. Non solo piazzato, ma pure vincente. Magari non come lo spagnolo Alcaraz, due anni in meno, già a un passo da Nadal in classifica (è numero 6), fame e talento di livello superiore. Non c’è l’obbligo di vincere per Jannik, certo. Oltre alla vittoria, lo sport è il viaggio, l’emozione. Ma se davvero vuole tenersi quegli sponsor

Arpad Weisz, padre del calcio moderno tradito e dimenticato

Arpad Weisz era il calcio. Poi il buio. L’uomo che inventò il calcio moderno venne condannato a m…

I 60 anni di Mou, lo Special One della panchina

Oggi José Mourinho compie 60 anni. Tra titoli e frasi diventate storiche, ripercorriamo le tre fa…

Il calcio si è rotto

Per Sporteconomy la bufera di scandali che sta colpendo il calcio italiano è frutto (anche) della…

Milan salvatutti

A Roma contro la Lazio, i rossoneri giocano per restare in scia al Napoli e tenere vivo il campio…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl