app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Eriksson

Sven-Goran Eriksson: “Ho un cancro, mi resta un anno da vivere”

“Ho un cancro terminale, posso rallentarlo ma non operarlo. Mi resta da vivere, al massimo, un anno”, le parole di Sven-Goran Eriksson
|

Sven-Goran Eriksson: “Ho un cancro, mi resta un anno da vivere”

“Ho un cancro terminale, posso rallentarlo ma non operarlo. Mi resta da vivere, al massimo, un anno”, le parole di Sven-Goran Eriksson
|

Sven-Goran Eriksson: “Ho un cancro, mi resta un anno da vivere”

“Ho un cancro terminale, posso rallentarlo ma non operarlo. Mi resta da vivere, al massimo, un anno”, le parole di Sven-Goran Eriksson
|
|
“Ho un cancro terminale, posso rallentarlo ma non operarlo. Mi resta da vivere, al massimo, un anno”, le parole di Sven-Goran Eriksson

“Ho un cancro terminale, posso rallentarlo ma non operarlo. Mi resta da vivere, al massimo, un anno”, queste le parole di Sven-Goran Eriksson, 75 anni, ex calciatore, celebre allenatore e dirigente sportivo svedese.

L’ex allenatore della Lazio – l’ultimo in grado di riuscire a vincere uno scudetto con i biancocelesti – e c.t. dell’Inghilterra, il primo straniero, ha scoperto la malattia per caso: “Ero completamente sano – spiega Eriksson – poi sono crollato, sono svenuto e sono finito in ospedale. Dopo un consulto medico ho scoperto di avere avuto un ictus e che avevo già un tumore. Non so da quanto tempo, forse un mese, forse un anno. Si è scoperto che avevo il cancro ma il giorno prima avevo corso cinque chilometri. È venuto dal nulla, è questo che ti sciocca. Non sento grandi dolori ma mi è stata diagnosticata una malattia che puoi rallentare ma che non puoi operare”.

Le speranze, purtroppo, sono poche: “Nel migliore dei casi mi resta un anno, nel peggiore anche meno. Impossibile dirlo con esattezza quindi è meglio non pensarci. Puoi in qualche modo ingannare il tuo cervello, pensare positivo e vedere le cose nella maniera migliore, non perderti nelle avversità, perché questa ovviamente è la più grande di tutte ma ricavare comunque qualcosa di buono da questa esperienza”, dichiara Eriksson.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

L’ex calciatore Dani Alves condannato a 4 anni e mezzo di carcere per stupro

Dani Alves, ex calciatore di Barcellona, Juventus e Paris Saint-Germain, è stato condannato a 4 a…

Berrettini: “Torno in campo più forte di prima”, confermata la rottura con Melissa Satta

L’azzurro sarà presente prima agli ATP di Phoenix e poi al Masters 1000 di Miami. Sulla Satta: “N…

Addio a Andy Brehme

Andy Brehme, ex difensore del Bayern Monaco, dell’Inter e della nazionale tedesca, è deceduto all…

Fischi alla nuotatrice israeliana Gorbenko e l’abbraccio dell’azzurra Franceschi: quando lo sport insegna

Doha, mondiali di nuoto: fischi alla nuotatrice israeliana Anastasia Gorbenko, l’abbraccio di sup…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI