app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Italia Croazia

Tu chiamale emozioni e che emozioni…

Solo il calcio riesce a far vivere emozioni devastanti e collettive come quelle di ieri sera. Decisivi Calafiori e Zaccagni per la rimonta dell’Italia

|

Tu chiamale emozioni e che emozioni…

Solo il calcio riesce a far vivere emozioni devastanti e collettive come quelle di ieri sera. Decisivi Calafiori e Zaccagni per la rimonta dell’Italia

|

Tu chiamale emozioni e che emozioni…

Solo il calcio riesce a far vivere emozioni devastanti e collettive come quelle di ieri sera. Decisivi Calafiori e Zaccagni per la rimonta dell’Italia

|
|

Solo il calcio riesce a far vivere emozioni devastanti e collettive come quelle di ieri sera. Decisivi Calafiori e Zaccagni per la rimonta dell’Italia

Troveremo sempre quelli pronti a meravigliarsi di 15 milioni di persone che hanno rischiato di sfondare televisori, divani, finestre, bottiglie, di travolgere mogli, mariti, nonni, figli e nipoti al goal di Zaccagni al 98º minuto di Croazia-Italia. Non mancheranno mai i cinici in servizio permanente effettivo, secondo i quali il calcio è deciso a tavolino, faccenda per miliardari annoiati, ricchi scemi e da un po’ anche petrolieri a caccia di nuove verginità.

Sta di fatto che solo il calcio riesce a far vivere emozioni devastanti e collettive come quelle di ieri sera. A valle di una partita prima giocata bene, poi in modo a tratti indecoroso. Praticamente persa e poi riacciuffata per i capelli, ma non a caso. Ecco, questo è importante: spiega anche il perché degli scossoni emotivi che soltanto i grandi tornei internazionali sanno regalare: il pareggio – oltretutto globalmente meritato, se ricordiamo un primo tempo in cui l’Italia si era fatta preferire – è arrivato perché due ragazzi si sono rifiutati di perdere. Letteralmente.

Hanno fatto ciò che fa un calciatore che voglia elevarsi sopra la media: non pensa all’allenatore, agli schemi, a chi ha davanti, pensa esclusivamente a quello che vuole andarsi a cercare (e prendere) sul campo. Lo ha fatto Riccardo Calafiori, spaccando in due la difesa croata, quando ormai Modrić (in panchina) e compagnia erano sicuri di avercela fatta. Lo ha fatto Mattia Zaccagni, inventandosi in terra di Germania un goal che ricorda maledettamente il leggendario due a zero di Alex Del Piero nella semifinale di Dortmund dei Mondiali 2006.

Lo ha fatto Gigione Donnarumma, tornato a livelli semplicemente mostruosi in questo Europeo, l’uomo che tutto para e tutto ferma, tranne ciò che umanamente non si può raggiungere.

Scegliamo loro tre, in lacrime alla fine della partita, per provare a spiegare il valore di certe serate. Non sono legate soltanto a un goal all’ultimissimo respiro, ma a quei valori agonistici, di personalità e comportamentali che possono fare la differenza quando la qualità non è eccelsa. Come non eccelsa è la nostra Nazionale.

“Siamo ancora vivi!“, abbiamo urlato ripetutamente ieri sera in cronaca a Rtl 102.5, “siamo vivi” per goderci altre emozioni uniche come solo i grandi tornei sanno regalare. “Siamo vivi”, per mettere da parte il goal di Zaccagni e conservarlo gelosamente nel nostro scrigno dei ricordi.

Speriamo che anche questi ragazzi – non sempre all’altezza – possano capire cosa significhi vestire la maglia della Nazionale e rappresentare la nostra storia, crescendo grazie anche a flash emotivi come ieri sera.

Di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Sinner non parteciperà alle Olimpiadi di Parigi

24 Luglio 2024
Jannik Sinner non parteciperà ai Giochi Olimpici di Parigi. A renderlo noto, è lo stesso n. 1 al…

Berrettini domina

21 Luglio 2024
Matteo Berrettini vince il torneo di Gstaad e dopo lunghi e dolorosi mesi di buio si è riscopert…

Berrettini c’è

20 Luglio 2024
Berrettini ora corre: battuto Tsitsipas 7-6 7-5, è finale a Gstaad, dove l’azzurro giocherà cont…

Chiude 90º minuto. Finisce un’era

19 Luglio 2024
Sparisce uno dei due segmenti del romanzo popolare, assieme a “Tutto il calcio minuto per minuto…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI