app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Venere degli stracci

Bruciata la “Venere degli stracci”, ipotesi sfida social

Questa mattina un incendio, in piazza Municipio a Napoli, ha distrutto l’installazione “Venere degli stracci”. Ipotesi sfida social per bruciare l’opera
|

Bruciata la “Venere degli stracci”, ipotesi sfida social

Questa mattina un incendio, in piazza Municipio a Napoli, ha distrutto l’installazione “Venere degli stracci”. Ipotesi sfida social per bruciare l’opera
|

Bruciata la “Venere degli stracci”, ipotesi sfida social

Questa mattina un incendio, in piazza Municipio a Napoli, ha distrutto l’installazione “Venere degli stracci”. Ipotesi sfida social per bruciare l’opera
|
|
Questa mattina un incendio, in piazza Municipio a Napoli, ha distrutto l’installazione “Venere degli stracci”. Ipotesi sfida social per bruciare l’opera
È durata appena 15 giorni la “Venere degli stracci” di Michelangelo Pistoletto. L’opera, in grande formato, era stata installata in piazza Municipio a Napoli il 28 giugno. A distruggerla un incendio verificatosi all’alba, intorno alle 5.30 di questa mattina. Non è ancora chiaro il motivo del rogo, se accidentale o volontario. Ma stando alle ultime dichiarazioni del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, emergono dettagli di un possibile atto vandalico: “Dalla Fondazione Pistoletto mi hanno detto che negli ultimi giorni c’era una sorta di gara sui social di gente che invitava a bruciare l’opera”. Di quell’installazione, che rappresentava proprio il contrasto tra l’arte classica e il disordine della vita moderna, non è rimasto nulla, solo l’impalcatura in ferro in cui era ammucchiata la montagna di “stracci”. Per l’autore dell’opera, Michelangelo Pistoletto, “La Venere rappresenta l’umanità di oggi, quella chiamata a esprimere il suo lato migliore”. Se davvero l’ipotesi del raid teppistico dovesse essere accertata, allora sapremmo che è stato sicuramente mostrato il lato peggiore della nostra società. Per alcuni, l’epilogo dell’opera è infatti l’espressione massima dei nostri tempi, governati da una bruttezza che colpisce persino l’arte. Di Claudia Burgio **Credits video: Comune di Napoli; Localteam

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Roma, Hotel Barberini evacuato per esalazioni tossiche

23 Aprile 2024
A Roma, l’Hotel Barberini è stato evacuato per presunte inalazioni tossiche da cloro proveniente…

Napoli, gli applausi che fanno male

23 Aprile 2024
Gli applausi e lo sconcerto al momento della ricostruzione della morte di Giancarlo Siani, giorn…

Salerno, bimbo di 15 mesi ucciso da due pitbull a Eboli

22 Aprile 2024
Tragedia questa mattina in località Campolongo a Eboli, in provincia di Salerno. Un bimbo di 15 …

Milano, violenze nel carcere minorile Beccaria: 21 misure cautelari

22 Aprile 2024
Violenze e torture nel carcere minorile Beccaria di Milano. L’indagine, partita da alcune segnal…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI