app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Com’è facile prendere la casa d’altri

Ennio, 86enne romano, è rimasto senza casa poiché la sua abitazione, di proprietà, è stata occupata. Dovrà aspettare i tempi della giustizia per poter rientrare. La storia di quest’uomo è paradigma di come il problema di una giustizia che funzioni possa riguardare davvero tutti.
| ,

Com’è facile prendere la casa d’altri

Ennio, 86enne romano, è rimasto senza casa poiché la sua abitazione, di proprietà, è stata occupata. Dovrà aspettare i tempi della giustizia per poter rientrare. La storia di quest’uomo è paradigma di come il problema di una giustizia che funzioni possa riguardare davvero tutti.
| ,

Com’è facile prendere la casa d’altri

Ennio, 86enne romano, è rimasto senza casa poiché la sua abitazione, di proprietà, è stata occupata. Dovrà aspettare i tempi della giustizia per poter rientrare. La storia di quest’uomo è paradigma di come il problema di una giustizia che funzioni possa riguardare davvero tutti.
| ,
| ,
Ennio, 86enne romano, è rimasto senza casa poiché la sua abitazione, di proprietà, è stata occupata. Dovrà aspettare i tempi della giustizia per poter rientrare. La storia di quest’uomo è paradigma di come il problema di una giustizia che funzioni possa riguardare davvero tutti.
Vai a fare degli accertamenti in ospedale e quando torni ti ritrovi la serratura di casa cambiata e dentro un numero imprecisato di persone che ovviamente non hai mai visto. Succede a Roma, al signor Ennio che ha 86 anni ed è rimasto senza casa. Non un appartamento popolare, di quelli che purtroppo spesso vengono occupati, ma una casa di proprietà. Comprata con i risparmi di una vita. Già così sarebbe abbastanza drammatico, aggiungiamoci il fatto che quando il legittimo proprietario dell’appartamento ha chiamato i carabinieri loro gli hanno spiegato che finché un giudice non stabilirà che chi sta dentro casa sua se ne deve andare, lui non può fare nulla. Neanche provare a rientrare, perché dovrebbe essere lui a forzare la serratura adesso. C’è da immaginare che il suo caso non sia un unicum. Vien da chiedersi come sia possibile che uno che semplicemente vuole rientrare a casa sua debba aspettare che sia la giustizia, con i tempi che sappiamo non sono certo immediati, a consentirglielo. È così semplice violare la legge e la proprietà privata e ritrovarsi comunque tutelati? O, per dirla al rovescio, è così difficile far valere i propri diritti? La storia di Ennio è paradigma di come il problema di una giustizia che funzioni sia stringente e possa riguardare davvero tutti. Ma spiega anche perché si assiste a un incremento della tendenza a farsi in qualche modo giustizia da soli. Che è sbagliato, ovviamente, ma non si può accettare di non sentirsi protetti su un diritto fondamentale com’è quello della casa.   di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Chico Forti è arrivato in Italia, atterrato a Pratica di Mare. Giorgia Meloni in aeroporto

18 Maggio 2024
Chico Forti è tornato in Italia; l’aereo su cui viaggiava è atterrato a Pratica di Mare. Present…

Chico Forti rientra oggi in Italia

18 Maggio 2024
Dopo 24 anni e 6 mesi di carcere – e una condanna all’ergastolo per l’omicidio di Dale Pike (avv…

Identificato il fantomatico Fleximan?

17 Maggio 2024
Le forze dell’ordine di Rovigo avrebbero identificato il fantomatico Fleximan, accusato di aver …

Chico Forti tornerà in Italia: ha già lasciato il carcere di Miami

17 Maggio 2024
Il 65enne condannato all’ergastolo in Florida per l’omicidio di Dale Pike nel 1998, ha lasciato …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI