app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Il coraggio, il senso del dovere, la tragedia

Il video del vigile del fuoco che tenta di salvare, invano, i tre giovani dalla furia del Natisone: quando tutti scappano, loro arrivano. Non dimentichiamolo mai

|

Il coraggio, il senso del dovere, la tragedia

Il video del vigile del fuoco che tenta di salvare, invano, i tre giovani dalla furia del Natisone: quando tutti scappano, loro arrivano. Non dimentichiamolo mai

|

Il coraggio, il senso del dovere, la tragedia

Il video del vigile del fuoco che tenta di salvare, invano, i tre giovani dalla furia del Natisone: quando tutti scappano, loro arrivano. Non dimentichiamolo mai

|
|

Il video del vigile del fuoco che tenta di salvare, invano, i tre giovani dalla furia del Natisone: quando tutti scappano, loro arrivano. Non dimentichiamolo mai

Continuo a non guardare quel video, a non guardare le immagini del vigile del fuoco che prova il tutto per tutto pur di raggiungere i tre ragazzi abbracciati nel centro del fiume Natisone, ormai quasi in preda alla corrente e all’improvvisa ondata di piena.

Non ce la faccio a guardarlo, come non sono riuscito a guardare, se non un paio di volte per “dovere“, i primi video dei tre giovani che cercano con quell’abbraccio di resistere alla furia dell’acqua sempre più intensa. Non oso immaginare quello che avranno provato e non posso neppure tentare di descrivere le sensazioni dei loro cari.

Penso, con deferenza e ammirazione, alla rabbia devastante e alla disperata delusione che avrà provato quel vigile di fuoco. Ha tentato di andare oltre il proprio dovere, ha capito di mettere a repentaglio la sua stessa vita, ma compreso ben presto – con la lucidità figlia della preparazione e dell’addestramento – che non ce l’avrebbe fatta. Ha desistito come era giusto che facesse, per non aggiungere un’ulteriore vittima al bilancio di quel pomeriggio tragico.

Quante volte, negli anni che verranno, sarà costretto a ripensare a quegli istanti. A quello che avrebbe potuto fare, ai tentativi diversi, all’aiuto che sarebbe stato necessario e che il magistrato titolare dell’inchiesta senza troppi giri di parole ha fatto capire essere mancato. Sono stati ipotizzati errori su cui sarà giusto indagare nel dettaglio, ma ora non ci interessa cosa possa emergere dall’inchiesta: faccia il suo corso.

Penso a quel vigile, alle donne a agli uomini che scelgono una professione in cui la vita – la propria vita – è parte del contratto. Quando tutti scappano, loro arrivano. Non dimentichiamolo mai.
Sono certo che un po’ se ne sia andato anche lui in quell’acqua melmosa, per la rabbia più devastante che un vigile del fuoco possa provare: quella dell’impotenza.
Gli siamo vicini e continuiamo a stringerci alle tre famiglie devastate dalla tragedia.

di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La follia delle baby risse su appuntamento

14 Giugno 2024
Sono tutti minorenni i giovanissimi che in pieno giorno trasformano le città in campi di battagl…

Impagnatiello in aula: “Non sono pazzo, ma ho sperato di esserlo”

10 Giugno 2024
Nuova udienza dell’omicidio della giovane Giulia Tramontano. Le sconcertanti dichiarazione di Al…

Addio ad Anders, l’astronauta che scattò dallo spazio “la Terra che sorge”

08 Giugno 2024
È morto all’età di 90 anni l’astronauta della missione Apollo 8 che nel 1968 scattò l’iconica im…

Scontro camion-auto nel milanese: due morti e due feriti gravi

07 Giugno 2024
Incidente gravissimo sulla A52 questa mattina tra un camion e un’automobile: due morti sul colpo…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI