app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
incendio ponte di ferro roma

Le fiamme e l’inutile nostalgia

Le reazioni al ponte di ferro in fiamme sono improntate alla nostalgia. Eppure, questo momento non ha bisogno di sentimentalismi, ma di lavoro collettivo.
| ,

Le fiamme e l’inutile nostalgia

Le reazioni al ponte di ferro in fiamme sono improntate alla nostalgia. Eppure, questo momento non ha bisogno di sentimentalismi, ma di lavoro collettivo.
| ,

Le fiamme e l’inutile nostalgia

Le reazioni al ponte di ferro in fiamme sono improntate alla nostalgia. Eppure, questo momento non ha bisogno di sentimentalismi, ma di lavoro collettivo.
| ,
| ,
Le reazioni al ponte di ferro in fiamme sono improntate alla nostalgia. Eppure, questo momento non ha bisogno di sentimentalismi, ma di lavoro collettivo.
Questa mattina leggo una marea di tweet e post (come inevitabile) a commento dell’incendio che ha avvolto il ponte di ferro a Roma. Non sappiamo ancora nulla di preciso sulle cause del rogo e al momento possiamo discutere solo dell’ennesimo, plastico esempio dello stato in cui si è ridotta la capitale. Magari sarà solo una sfortunata coincidenza, ma quando un evento di questo tipo arriva dopo lunghissimo periodo di “sofferenza” di tutta una città, della sua immagine, del suo essere degna di una storia e di una bellezza senza pari, è logico viverla come un segno. Delle responsabilità di un’intera comunità, che vanno ben oltre questa o quella amministrazione, questa o quella forza politica. Non scriviamo così perché proprio oggi si va a votare ed è necessario mantenersi equidistanti, ma perché è quello in cui crediamo profondamente. Lo sfacelo in cui è precipitata la città non può essere ascritto a UN politico, a UN partito. Una visione semplicistica, pari all’ansia di attribuire capacità taumaturgiche al nuovo potente di turno. Salvo restare inevitabilmente delusi e abbandonarlo al suo destino, nel breve volgere di pochi mesi. Meccanismo folle, che non genera crescita, ma l’avvitarsi della crisi. Arriviamo, così, al diluvio di commenti di queste ore, improntati ad un’impotente nostalgia per il ponte andato a fuoco. Capiamo tutto, ma non è il tempo delle dolci rimembranze, ma di lavoro collettivo. Di una presa di coscienza collettiva. di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Donna di 41 anni uccisa a coltellate a Bovolenta (Padova). Ipotesi omicidio-suicidio

Un altro femminicidio, l’ennesimo. Sara Buratin è stata trovata morta in casa della madre a Bovol…

Caserta: 85enne smaschera finto corriere

A Caserta, una 85enne ha smascherato un finto corriere che le chiedeva 1.400 euro per la consegna…

Nessuna infermità mentale per Alessia Pifferi

Invocare l’infermità mentale è una delle strategie difensive più usate. E abusate. È successo anc…

Un anno dalla strage di Cutro

Un anno è trascorso dalla notte tra il 25 e il 26 febbraio, quando un caicco naufragò di fronte a…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI