app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
mistero su hasib omerovic

Mistero su Hasib Omerovic: non c’era nessun mandato di perquisizione

Ci sono ancora molte domande su quanto accaduto il 25 luglio nel quartiere Primavalle, a Roma, quando Hasib Omerovic, sordomuto di 36 anni, è caduto giù dal balcone. Chi ha ordinato ai quattro agenti di entrare a casa sua, pur senza mandato?
|

Mistero su Hasib Omerovic: non c’era nessun mandato di perquisizione

Ci sono ancora molte domande su quanto accaduto il 25 luglio nel quartiere Primavalle, a Roma, quando Hasib Omerovic, sordomuto di 36 anni, è caduto giù dal balcone. Chi ha ordinato ai quattro agenti di entrare a casa sua, pur senza mandato?
|

Mistero su Hasib Omerovic: non c’era nessun mandato di perquisizione

Ci sono ancora molte domande su quanto accaduto il 25 luglio nel quartiere Primavalle, a Roma, quando Hasib Omerovic, sordomuto di 36 anni, è caduto giù dal balcone. Chi ha ordinato ai quattro agenti di entrare a casa sua, pur senza mandato?
|
|
Ci sono ancora molte domande su quanto accaduto il 25 luglio nel quartiere Primavalle, a Roma, quando Hasib Omerovic, sordomuto di 36 anni, è caduto giù dal balcone. Chi ha ordinato ai quattro agenti di entrare a casa sua, pur senza mandato?


La Procura indaga per concorso in tentato omicidio, la Questura ha aperto un’indagine interna. C’è ancora tanto da capire su quello che è successo lo scorso 25 luglio nell’appartamento popolare di Primavalle, a Roma, quando Hasib Omerovic, sordomuto di 36 anni, è caduto giù dal balcone. Si sa solo che i quattro agenti che sono andati a bussare a casa sua non avevano un mandato di perquisizione. Ciò non toglie che potevano essere lì per controllargli i documenti, ad esempio: bisogna però accertare se corrisponda al vero quello che ha raccontato la sorella disabile dell’uomo, e cioè che una volta entrati in casa avrebbero aggredito il fratello. Un testimone ha raccontato di non aver sentito rumori riconducibili a una lite, la famiglia sostiene invece che sia stato picchiato dagli agenti.

Omerovic non aveva procedimenti a suo carico, ma questo non significa che non vi fossero delle ragioni per la presenza degli agenti. È questo il tassello che manca: chi ha ordinato loro di andare a bussare alla porta di quell’appartamento? Per ora di questo nulla si sa e chiarirlo sarà compito dell’indagine della Procura e di quella interna alla polizia. Al più presto, si spera, perché vicende come queste scatenano un’ondata emotiva che può sfuggire di mano. Il rischio che si corre è quello dell’ennesimo processo a mezzo stampa senza che vi siano neanche gli elementi per ricostruire cosa, tra quelle mura, sia davvero avvenuto. La famiglia di Hasib, ancora ricoverato, e noi tutti abbiamo diritto alla verità. Qualsiasi essa sia.

Di Gaia Bottoni

L’apocalisse dentro di noi

Di fronte a catastrofi come il terremoto in Turchia e Siria veniamo pervasi da un angosciante sen…

Minore uccide tartaruga, l’Enpa agirà (anche) contro i genitori

Quanto successo a La Spezia, dove un minore ha fracassato una tartaruga fino a ucciderla, merita …

Tragedia all’Università Iulm, il cordoglio della redazione

Stamane una ragazza di 19 anni si è tolta la vita in università. Una tragedia che impone silenzio…

‘Ndrine, latinos e mafie

Cocaina, pizzo e pistole, mentre le ‘ndrine operano in silenzio e controllano il tutto, arricchen…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl