app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
yuki

Storia di Yuki, un cane testimone della vita

La storia di Yuki regala un briciolo di emozione positiva in giorni che sono stati accompagnati solo da immagini di devastazione e morte
|

Storia di Yuki, un cane testimone della vita

La storia di Yuki regala un briciolo di emozione positiva in giorni che sono stati accompagnati solo da immagini di devastazione e morte
|

Storia di Yuki, un cane testimone della vita

La storia di Yuki regala un briciolo di emozione positiva in giorni che sono stati accompagnati solo da immagini di devastazione e morte
|
|
La storia di Yuki regala un briciolo di emozione positiva in giorni che sono stati accompagnati solo da immagini di devastazione e morte

Ci sono immagini che smuovono e commuovono, nell’inferno di fango che ha travolto Ischia. Immagini e storie che nulla hanno a che fare con le polemiche, pure giuste, di queste ore. Una è quella di Yuki, un cane che rappresenta oggi l’unico sopravvissuto di una famiglia interamente distrutta. Quella di una coppia e del loro bambino di appena 21 giorni, uccisi da quel fiume scuro che ha portato via tutto. Lui, il cane, si è salvato: dopo aver vagato per due giorni in cerca di quella che era la sua casa, e che ora non esiste più, si è rifugiato in una macchina.

C’è chi dice che fosse quella dei suoi padroni, ma poco importa se sia vero o no. Sappiamo che è rimasto lì, ad aspettare qualcuno che purtroppo non tornerà mai. Sappiamo che era terrorizzato e aggressivo, che il suo muso dietro al vetro è un’immagine che non lenisce il dolore né sminuisce il dramma ma regala un briciolo di emozione positiva in giorni che sono stati accompagnati solo da immagini di devastazione e morte. Oltre a ricordarci che quelli che chiamiamo animali sono pezzi di famiglia. Yuki lo era, per Giovanna e Maurizio e per il loro bimbo appena nato.

Se ci sono e di chi sono le responsabilità, nella tragedia di Casamicciola, è da capire ma senza scordarsi di tutto questo. Di chi non c’è più e di chi è rimasto solo. Anche se ha quattro zampe. Per lui ora c’è una coperta calda e speriamo un’altra famiglia. A noi resta l’immagine di una bianca palla di pelo accucciata dietro al parabrezza. In attesa di chi purtroppo non tornerà.

di Annalisa Grandi

Minore uccide tartaruga, l’Enpa agirà (anche) contro i genitori

Quanto successo a La Spezia, dove un minore ha fracassato una tartaruga fino a ucciderla, merita …

Tragedia all’Università Iulm, il cordoglio della redazione

Stamane una ragazza di 19 anni si è tolta la vita in università. Una tragedia che impone silenzio…

‘Ndrine, latinos e mafie

Cocaina, pizzo e pistole, mentre le ‘ndrine operano in silenzio e controllano il tutto, arricchen…

Per crescere un bambino ci vuole un intero villaggio

Il compleanno di una 17enne, in un giovedì qualunque romano, si è trasformato in tragedia

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl