app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Degenerazione dall’afrore insurrezionale

La condizione della giustizia italiana ha superato il limite dell’indecenza, bisognerebbe smetterla di utilizzare le inchieste per fini politici.
| ,

Degenerazione dall’afrore insurrezionale

La condizione della giustizia italiana ha superato il limite dell’indecenza, bisognerebbe smetterla di utilizzare le inchieste per fini politici.
| ,

Degenerazione dall’afrore insurrezionale

La condizione della giustizia italiana ha superato il limite dell’indecenza, bisognerebbe smetterla di utilizzare le inchieste per fini politici.
| ,
| ,
La condizione della giustizia italiana ha superato il limite dell’indecenza, bisognerebbe smetterla di utilizzare le inchieste per fini politici.
Non possiamo ripetere un giorno sì e l’altro pure che la condizione della giustizia italiana ha superato il limite dell’indecenza, ma quella è la realtà. E neanche da poco tempo. La sola novità degli ultimi mesi è che si sono diradate, ora anche proibite (ma quanto dura?) le conferenze stampa in cui s’illustra di cosa è colpevole e perché chi, per la Costituzione, deve ancora essere considerato innocente. In compenso si sono infittite, fino a divenire ossessive, le parole di magistrati che spiegano, nel dettaglio, quanto facciano pena, o peggio, i loro colleghi. Una guerra per bande armate di protagonismo, degenerazione ultima di una spartitocrazia armata di correntismo. Un tempo era unanime, la corporazione togata, nel respingere le accuse di taluni indagati, secondo cui c’era politica e manipolazione nelle inchieste che li riguardavano; ora sono le toghe a documentare quanto il collega sia manipolatore e politicamente indirizzato. Ragguardevole. Prima di tagliare il solo traguardo in questo modo possibile, ovvero la totale perdita di credibilità, questa gazzarra va fermata. E anziché attendere che sia sempre qualcun altro a intervenire, con lo sguardo impropriamente rivolto al Colle, tocca alla politica capire che è ora di finirla di utilizzare le inchieste, attendendo invece le sentenze definitive e facendo così prevalere la legge, il diritto, sulle smanie di chi usa i doveri d’ufficio per agguantare i piaceri del consenso. Il che, in capo alla giustizia, ha un valore insurrezionale. di Davide Giacalone

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

L’Italia non firma la dichiarazione Ue sui diritti Lgbtiq+

17 Maggio 2024
L’Italia non ha firmato la dichiarazione Ue per la promozione delle politiche europee a favore d…

Il confronto Tv non s’ha da fare

17 Maggio 2024
Non poteva che avere un tragicomico finale il duello tv fra la presidente del Consiglio Giorgia …

Salta il confronto tv Meloni-Schlein, Rai: “Manca maggioranza richiesta da Agcom”

16 Maggio 2024
L’atteso confronto Meloni-Schlein non si terrà: “Soltanto quattro delle otto liste rappresentate…

Quel che resta della credibilità politica e giudiziaria

16 Maggio 2024
Caso Toti: l’intero mondo politico dovrebbe smetterla con la commedia dell’indignazione alternat…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI