app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
bce alza i tassi

Il rialzo dei tassi e la realtà dimenticata

Ora l’inflazione c’è e il rialzo dei tassi della Bce ha il fine di contrastarla. Quel che preoccupa è il volere sempre vedere un solo aspetto dei problemi, facendo finta non esistano gli altri
|

Il rialzo dei tassi e la realtà dimenticata

Ora l’inflazione c’è e il rialzo dei tassi della Bce ha il fine di contrastarla. Quel che preoccupa è il volere sempre vedere un solo aspetto dei problemi, facendo finta non esistano gli altri
|

Il rialzo dei tassi e la realtà dimenticata

Ora l’inflazione c’è e il rialzo dei tassi della Bce ha il fine di contrastarla. Quel che preoccupa è il volere sempre vedere un solo aspetto dei problemi, facendo finta non esistano gli altri
|
|
Ora l’inflazione c’è e il rialzo dei tassi della Bce ha il fine di contrastarla. Quel che preoccupa è il volere sempre vedere un solo aspetto dei problemi, facendo finta non esistano gli altri
I tassi d’interesse continueranno a crescere, da noi in Unione europea come negli Stati Uniti o nel Regno Unito. Sarebbe singolare che, ogni volta, si assistesse alla stessa scena vista questa settimana. Si può discutere se il rialzo dei tassi sia il rimedio migliore e più efficace al crescere dell’inflazione (negli Usa sta funzionando), così iscrivendosi a un dibattito scolastico che va avanti da decenni, ma è indubbio che i tassi europei restano più bassi di quelli americani o inglesi nonché più bassi dell’inflazione. Ed è altrettanto indubbio che siano stati spinti fin oltre lo zero, finendo sotto, proprio per contrastare la recessione e riconquistare un’inflazione nell’intorno del 2% (eravamo ben sotto). Ora l’inflazione c’è, è stata indotta dall’esterno e i rimedi cambiano. Quel che preoccupa, sotto il profilo sia del comprendonio che dell’onestà intellettuale, è il volere sempre vedere un solo aspetto dei problemi, facendo finta non esistano gli altri. In Italia abbiamo molto risparmio, che è stato lungamente ed efficacemente protetto – grazie all’euro – tenendo bassa l’inflazione, ma certo non è stato premiato dai tassi portati allo zero. Qualche volta si è ingannati dall’illusione monetaria, per cui se i propri risparmi rendono il 10% si pensa di avere guadagnato, ma con l’inflazione al 20% si è perso. Eravamo messi così, negli anni Ottanta. Però veniamo da una stagione in cui i risparmi producevano con il contagocce e all’apparire dell’inflazione perdevano valore. Che si provi a rimediare è un bene. L’inflazione è una brutta bestia per chi risparmia, in compenso è un cavallo alato per chi ha debiti, diminuendone il valore. L’Italia, come Paese, è molto indebitato; gli italiani, come persone, molto poco (fin troppo poco). L’aumento dei tassi favorisce i secondi e crea un problema alla prima. Ma c’è l’altra faccia della medaglia: aumentare il costo del denaro frena la crescita alla vigilia di un anno, il 2023, in cui già si prevede una considerevole frenata. Vero. Ma a parte che da noi restano i tassi più bassi, i soldi che spingono la crescita sono quelli degli investimenti, mentre la crescita dei consumi è virtuosa se alimentata da salari e dilapidatrice se alimentata da sussidi che gonfiano la spesa pubblica corrente. In ogni caso, i soldi per gli investimenti ci sono eccome: sono quelli del Pnrr, che per la loro parte a prestito sono forniti a un tasso assai agevolato. È vero che anche quelli aumentano il debito, ma prima del Draghi teorizzatore del debito buono e di quello cattivo sarà bene dare un occhio al citatissimo e poco conosciuto Keynes che, sostenendo l’opportunità della spesa in deficit per la crescita e la piena occupazione, era anche per il pareggio delle partite correnti. Tradotto: si fanno debiti per gli investimenti, non per i consumi (della pubblica amministrazione o privati), non per la spesa corrente. I tassi agevolati del Pnrr non sono una decisione sovrana dell’inesistente reuccio europeo, ma il frutto della garanzia offerta da tutti i contribuenti europei, di cui l’Italia è il principale beneficiario. Dopo avere sostenuto che quella è un’occasione storica e che si era diligentemente in regola con tutti gli adempimenti, da qualche settimana si va dicendo che siamo in ritardo, che non riusciremo a spenderli, che ce ne vorrebbero di più e che i tassi devono restare a zero ma la gente va difesa dall’inflazione indicizzando pensioni e salari, ovvero gonfiando la spesa pubblica e – nonostante questa sia la ricetta che ci portò alla rovina in passato – pensiamo di sostenerla mandando a stendere il Meccanismo europeo di stabilità. Che è come dire: sono diabetico, ho già avuto un infarto e i reni funzionano maluccio ma sono libero di mangiare dolciumi, fumare a piacimento, bere solo alcolici e, sia chiaro, sono contrario a che si faccia un Pronto soccorso vicino casa mia, perché non ci voglio finire. Occhio, perché chi osserva potrebbe mettere da parte i soldi per il necrologio.   Di Davide Giacalone

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Tavares e l’elettrico cinese

17 Maggio 2024
L’accordo sancito nelle ultime ore da Carlos Tavares con Stellantis sull’elettrico ci dice una s…

Vincolati al vincolo esterno

15 Maggio 2024
Il vincolo esterno non è nei trattati europei, non è nei parametri legati a Maastricht, ma nella…

Italiani, popolo di stacanovisti

05 Maggio 2024
Dagli ultimi dati Eurostat si evince che gli italiani sono i più stakanovisti degli altri europe…

Se l’auto si scarica

04 Maggio 2024
I dati sulle immatricolazioni nel mese di aprile evidenziano una stasi del settore automotive el…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI