app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
bonus edilizia 110%

Il tempo degli incentivi deve essere limitato

I bonus, già pericolosi per loro natura, devono quanto meno avere una scadenza. Va in questa direzione il ministro Franco quando osserva che il bonus sull’edilizia non può durare per sempre. D’altronde, un bonus all’infinito non aiuterebbe il mercato immobiliare, anzi, lo drogherebbe.
|

Il tempo degli incentivi deve essere limitato

I bonus, già pericolosi per loro natura, devono quanto meno avere una scadenza. Va in questa direzione il ministro Franco quando osserva che il bonus sull’edilizia non può durare per sempre. D’altronde, un bonus all’infinito non aiuterebbe il mercato immobiliare, anzi, lo drogherebbe.
|

Il tempo degli incentivi deve essere limitato

I bonus, già pericolosi per loro natura, devono quanto meno avere una scadenza. Va in questa direzione il ministro Franco quando osserva che il bonus sull’edilizia non può durare per sempre. D’altronde, un bonus all’infinito non aiuterebbe il mercato immobiliare, anzi, lo drogherebbe.
|
|
I bonus, già pericolosi per loro natura, devono quanto meno avere una scadenza. Va in questa direzione il ministro Franco quando osserva che il bonus sull’edilizia non può durare per sempre. D’altronde, un bonus all’infinito non aiuterebbe il mercato immobiliare, anzi, lo drogherebbe.
Fosse per noi proibiremmo l’uso del concetto di bonus. Porta con sé l’immagine tronfia di politici che si esprimono con approssimazione e regalano soldi altrui. A parte il nome, però, il ministro Daniele Franco, a proposito del 110% a sostegno delle spese edilizie, ha osservato giustamente che non si può prorogarlo all’infinito: costa troppo ed è pericoloso. La scadenza può essere allungata un poco perché era, oltretutto, concepito male e quindi è partito ben dopo la sua entrata in vigore, ma questo non significa si possa stabilizzare. Un conto è dare una spinta all’edilizia, un altro il drogarla a tempo indefinito, correndo il rischio di far crescere bolle e specializzazioni nel raggiro e nella speculazione. È il principio del fertilizzante che si mette nei vasi in balcone: la giusta dose, al giusto tempo, assicura fiori rigogliosi, ma bidoni quotidiani non trasformano una margherita in un baobab, piuttosto la schiantano. A questo si aggiunga il costo (anche del fertilizzante), perché incentivare senza limiti temporali significa creare l’industria dell’agevolazione, quindi rendere sempre più potente il risucchio dalle casse pubbliche. Il che, oltre tutto, va spiegato a chi ci aiuta a tenere in equilibrio un enorme e squilibrato debito pubblico ma che non ha le agevolazioni che qui si distribuiscono. Tanto più che sente dire che in Italia non si voglia rivedere il catasto per non penalizzare le case (!?), cui nel frattempo si destinano spese. Potrebbe non capire. O, peggio, capire.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La Ragione e Albatros insieme per il design

16 Aprile 2024
Primo appuntamento de La Ragione in collaborazione con Albatros, leader del wellness italiano, a…

La bella frenesia del design

16 Aprile 2024
Da ieri, Milano vive la consueta eccitazione da Salone del Mobile. Noi saremo in Brera dalle 18 …

La ferrovia in Italia da Ferdinando II a Giorgia Meloni

15 Aprile 2024
Le ferrovie italiane che collegano la nostra Penisola da Nord a Sud hanno un grave problema: i c…

Stellantis cadente

13 Aprile 2024
La cassa integrazione infinita, il piano di esuberi di oltre 1500 unità su un pacchetto compless…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI