app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Interporto Rivers Venezia

Interporto Rivers Venezia, un faro che ci crede e investe

Il caso di Interporto Rivers Venezia: controllato dal 2020 dal gruppo Orlean Invest Holding, solo nell’ultimo mese ha varato investimenti per 4 milioni di euro

|

Interporto Rivers Venezia, un faro che ci crede e investe

Il caso di Interporto Rivers Venezia: controllato dal 2020 dal gruppo Orlean Invest Holding, solo nell’ultimo mese ha varato investimenti per 4 milioni di euro

|

Interporto Rivers Venezia, un faro che ci crede e investe

Il caso di Interporto Rivers Venezia: controllato dal 2020 dal gruppo Orlean Invest Holding, solo nell’ultimo mese ha varato investimenti per 4 milioni di euro

|
|

Il caso di Interporto Rivers Venezia: controllato dal 2020 dal gruppo Orlean Invest Holding, solo nell’ultimo mese ha varato investimenti per 4 milioni di euro

La guerra in Ucraina prima e la crisi del Mar Rosso poi hanno fatto schizzare alle stelle il costo dei trasporti marittimi, con inevitabili ripercussioni anche sui porti italiani. Una crisi che ricorda però il ruolo strategico di infrastrutture che il nostro Paese per anni non ha sviluppato come avrebbe dovuto. Chi investe oggi può ottenere vantaggi competitivi strategici. È il caso di Interporto Rivers Venezia, controllato dal 2020 dal gruppo Orlean Invest Holding e unico player totalmente privato ad avere uno sbocco sul mare con 500 metri di banchina sul canale Ovest di Marghera. Il gruppo, guidato da Daniele Scavaortz (appena nominato amministratore delegato) e dal presidente del Consiglio di amministrazione Bruno Savio, solo nell’ultimo mese ha varato investimenti per 4 milioni di euro.

Sostenibilità e digitalizzazione sono le sfide principali nel breve termine: all’interno della struttura verrà realizzato un primo parco fotovoltaico da 1 megawatt per soddisfare le esigenze operative di Interporto Rivers, mentre la digitalizzazione del terminal consentirà un efficientamento dei processi di tracciabilità delle merci in transito, oltre che dei veicoli in ingresso e in uscita. Verrà poi realizzata una nuova piastra logistica su una superficie di 11mila mq attigua al perimetro interportuale, sulla quale verranno sviluppate nuove attività di logistica. Iniziative in controtendenza rispetto a quelle di molti, in un settore così esposto alle crisi internazionali.

di Ilaria Cuzzolin

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

I benefici durevoli dei fondi europei e del Pnrr

06 Giugno 2024
Intervista a Francesco Giavazzi: “Nella parte più importante del Piano, e cioè le riforme, i ris…

Salvavoto, tra Italia ed Europa

03 Giugno 2024
Poi si vota e la realtà torna quella che è. L’Italia ha un vero e proprio interesse nazionale ad…

SalvaVoto

01 Giugno 2024
Si voterà il 9 giugno e s’è dovuto attendere ieri per sentir parlare di economia e Ue e degli in…

Se 276.000 posti di lavoro vi sembran pochi

31 Maggio 2024
276.000 posti di lavoro da andare a occupare in un quinquennio – solo in cinque settori – non me…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI