app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Pnrr

Pnrr, pessimismo cosmico

Era inevitabile il formarsi di un grumo di pessimismo – oseremmo dire “cosmico” – intorno al Pnrr
|

Pnrr, pessimismo cosmico

Era inevitabile il formarsi di un grumo di pessimismo – oseremmo dire “cosmico” – intorno al Pnrr
|

Pnrr, pessimismo cosmico

Era inevitabile il formarsi di un grumo di pessimismo – oseremmo dire “cosmico” – intorno al Pnrr
|
|
Era inevitabile il formarsi di un grumo di pessimismo – oseremmo dire “cosmico” – intorno al Pnrr
Non poteva che andare così: era inevitabile il formarsi di un grumo di pessimismo – oseremmo dire “cosmico” – intorno al Pnrr.  In base a un sondaggio pubblicato questa mattina dal Corriere della Sera, l’atmosfera è francamente sconfortante: solo il 3% degli italiani (ricordiamolo, parliamo di noi – tutti noi – non di una maggioranza di governo piuttosto che di un’altra. Siamo tutti in ballo, anche se la cosa continua a sfuggire a troppi) crede che il Paese riuscirà a realizzare il 90% dei lavori previsti dal piano finanziato del Next Generation EU.  Il 36% ritiene che non arriveremo al 60% di quanto annunciato e scritto nero su bianco.  Ancora, il 36% di italiani dichiara di avere “poca fiducia” che il Pnrr nel suo complesso abbia la capacità di rilanciare il nostro Paese e affrancarlo da arretratezze storiche. Dichiara di avere “molta fiducia”, al contrario, un misero 4%. Si dichiara “abbastanza fiducioso” un italiano su tre, unico raggio di luce in questo sfacelo.  Come meravigliarsi, in un Paese che già fa del vittimismo una sorta di religione collettiva e che da mesi si sente ripetere quotidianamente previsioni catastrofiche e dichiarazioni di resa? Che spettacolo ignobile stiamo offrendo innanzitutto a noi stessi e poi ai cittadini europei, che ci hanno inondato di quasi 200 miliardi di euro pagati con le loro tasse.  L’unica cosa che si sente ripetere in giro è che il Pnrr è fatto di prestiti che finiranno per strozzarci. Il che non solo è falso, ma ignora le condizioni assolutamente favorevoli strappate e soprattutto – accidenti! – la possibilità concreta di dare una sterzata al Paese.  Che spettacolo, poi, l’assoluta indifferenza sul gigantesco debito pubblico accumulato nei decenni, da parte degli stessi che sul Pnrr seguono il gregge della lamentela e della sfiducia. Diamoci una svegliata, prima di buttare a mare un’occasione storica per viltà e incapacità. di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Il futuro del lavoro tra intelligenza artificiale e formazione

29 Maggio 2024
Come immaginare il lavoro del futuro mentre il mondo cambia, con l’intelligenza artificiale che …

C’è qualcosa di malato

25 Maggio 2024
Il governo e la brutta figura sul redditometro. Il commento del direttore Davide Giacalone

“Giovani, siate visionari”, parla Massimo Renda di Caffè Borbone

23 Maggio 2024
Massimo Renda, fondatore di Caffè Borbone, è tra i leader italiani nell’industria del caffè. Ecc…

Interporto Rivers Venezia, un faro che ci crede e investe

21 Maggio 2024
Il caso di Interporto Rivers Venezia: controllato dal 2020 dal gruppo Orlean Invest Holding, sol…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI