app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
lavoro

Se 276.000 posti di lavoro vi sembran pochi

276.000 posti di lavoro da andare a occupare in un quinquennio – solo in cinque settori – non meritano grande riflessione dagli infaticabili profeti di sventura

|

Se 276.000 posti di lavoro vi sembran pochi

276.000 posti di lavoro da andare a occupare in un quinquennio – solo in cinque settori – non meritano grande riflessione dagli infaticabili profeti di sventura

|

Se 276.000 posti di lavoro vi sembran pochi

276.000 posti di lavoro da andare a occupare in un quinquennio – solo in cinque settori – non meritano grande riflessione dagli infaticabili profeti di sventura

|
|

276.000 posti di lavoro da andare a occupare in un quinquennio – solo in cinque settori – non meritano grande riflessione dagli infaticabili profeti di sventura

Nei prossimi cinque anni in Italia, solo nei cinque settori della moda, del design, dei motori, dell’alimentare e dell’ospitalità, serviranno 276.000 lavoratori dei quali – secondo i dati diffusi da Altagamma e Unioncamere – le aziende faranno fatica a reperirne almeno la metà. Solo in questi cinque settori, importanti quanto si vuole ma che certo non esauriscono il panorama dell’offerta e del mondo del lavoro in Italia. 

Perché sarà così difficile occupare le posizioni offerte lo sanno tutti, anche se si evita accuratamente di sottolinearlo, mentre si dedicano pagine e pagine, post e post trasmissioni e trasmissioni alla solita narrazione dei giovani italiani senza futuro e privati di qualsiasi opportunità in patria. 276.000 posti di lavoro da andare a occupare in un quinquennio – solo in cinque settori – non meritano grande riflessione dagli infaticabili profeti di sventura e cantori di bonus e prebende a perdere. 

La stessa transizione digitale vale centinaia di migliaia di posti di lavoro, molti dei quali in occupazioni che oggi neppure esistono e per le quali sarà decisivo fornire competenze, ma anche un’attitudine alla formazione continua sostanzialmente sconosciuta in questo Paese. Per tacere delle soft skills che per tanti sono solo un’espressione cool per fare i fighi. Certificato da questi dati, sotto gli occhi di chiunque abbia voglia di occuparsi delle tematiche del lavoro senza barriere ideologiche e paraocchi, è il nostro vero dramma: non il precariato narrato con ossessione da ogni parte, ma la condanna all’impreparazione cui destiniamo i nostri figli per pigrizia, sciatteria e cattiva coscienza. 

Perché di fronte alle enormi possibilità che potremmo offrir loro, invece di spronarli a una formazione sempre più accurata, preferiamo coccolarli nell’idea della decadenza. Sollevandoli da ogni responsabilità, per poter cinicamente sollevare noi stessi. 

Denunciamo la fine del futuro per far sì che nulla cambi, a tutto vantaggio di noi abbondantemente adulti e molto garantiti. Il giorno che nostri ragazzi lo capiranno fino in fondo ci manderanno a stendere di brutto.

di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Infrazione

19 Giugno 2024
La procedura d’infrazione per deficit eccessivo è sgradevole ma non preoccupante. In altre parol…

I Soldi Vostri

18 Giugno 2024
Al via oggi la nuova rubrica “I Soldi Vostri” che ogni martedì parlerà dei soldi degli italiani …

I benefici durevoli dei fondi europei e del Pnrr

06 Giugno 2024
Intervista a Francesco Giavazzi: “Nella parte più importante del Piano, e cioè le riforme, i ris…

Salvavoto, tra Italia ed Europa

03 Giugno 2024
Poi si vota e la realtà torna quella che è. L’Italia ha un vero e proprio interesse nazionale ad…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI