app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Il pasticcio sui genitori separati

Il provvedimento per sostenere i genitori separati in difficoltà economiche con un assegno mensile è di fatto inattuabile in quanto il testo definitivo non contemplerebbe diversi fattori.
| ,

Il pasticcio sui genitori separati

Il provvedimento per sostenere i genitori separati in difficoltà economiche con un assegno mensile è di fatto inattuabile in quanto il testo definitivo non contemplerebbe diversi fattori.
| ,

Il pasticcio sui genitori separati

Il provvedimento per sostenere i genitori separati in difficoltà economiche con un assegno mensile è di fatto inattuabile in quanto il testo definitivo non contemplerebbe diversi fattori.
| ,
| ,
Il provvedimento per sostenere i genitori separati in difficoltà economiche con un assegno mensile è di fatto inattuabile in quanto il testo definitivo non contemplerebbe diversi fattori.
Un provvedimento che avrebbe dovuto essere già in vigore e che invece si è arenato perché il testo così com’è è di fatto inattuabile. Parliamo degli 800 euro al mese inseriti nel decreto Sostegni approvato a maggio che sarebbero dovuti servire per aiutare i genitori separati in difficoltà economiche a causa dell’emergenza Covid. Un assegno per consentire di pagare il mantenimento dei figli, evitando di incorrere in procedimenti penali per inadempienze. Provvedimento voluto da Salvini (per storia personale da sempre vicino ai padri separati) e da quel Pillon noto sostenitore della famiglia tradizionale, ma votato anche dal Pd e dalle altre forze politiche. L’assegno non è mai stato erogato perché il testo viene ritenuto di fatto inattuabile: intanto non menziona per nulla le coppie di fatto, poi prevede il bonus per chi ha cessato, ridotto o sospeso l’attività lavorativa causa pandemia. Senza specificare cosa significhi riduzione o sospensione. Infine, l’assegno sarebbe stato erogato ai genitori e non ai figli, col rischio che qualcuno non proprio retto se lo intascasse e basta. Ma in fondo a tutto questo resta il vero nodo: la mancata depenalizzazione nel testo definitivo per i genitori che non pagano gli alimenti. Prevista invece in prima battuta. Il punto non è solo se un genitore non ha i soldi per pagare gli alimenti ma che questo rappresenti una violazione passibile di processo penale per i separati o divorziati. Perché il mantenimento dei figli non riguarda solo loro, ma tutti quanti. di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Protesta italiana per il Mediterraneo a uno spagnolo

20 Luglio 2024
Perché nominare uno spagnolo come rappresentante speciale della Nato per i rapporti con i Paesi …

ReVisioni politiche

20 Luglio 2024
Tante posture e parole d’ordine hanno traslocato da sinistra a destra e viceversa. Un’analisi di…

Taxi, cade l’ultimo velo della vergogna

20 Luglio 2024
Taxi, arriva la sentenza della Corte costituzionale: “Il blocco delle licenze lede i diritti dei…

Quando l’ideologia sfocia nell’irrilevanza

19 Luglio 2024
La scelta di FdI di votare contro la conferma di Ursula Von der Leyen mostra tutta l’irrilevanza…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI