app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Israele, la sponda degli Emirati Arabi, per frenare le mire iraniane

Gli Stati Uniti non hanno una posizione chiara sull’Iran, Israele va negli Emirati Arabi ma teme di rimanere solo a combattere contro Teheran.
|

Israele, la sponda degli Emirati Arabi, per frenare le mire iraniane

Gli Stati Uniti non hanno una posizione chiara sull’Iran, Israele va negli Emirati Arabi ma teme di rimanere solo a combattere contro Teheran.
|

Israele, la sponda degli Emirati Arabi, per frenare le mire iraniane

Gli Stati Uniti non hanno una posizione chiara sull’Iran, Israele va negli Emirati Arabi ma teme di rimanere solo a combattere contro Teheran.
|
|
Gli Stati Uniti non hanno una posizione chiara sull’Iran, Israele va negli Emirati Arabi ma teme di rimanere solo a combattere contro Teheran.
Gerusalemme – Il Dipartimento di Giustizia americano ha annunciato la scorsa settimana che gli Stati Uniti fra il 2019 e il 2020 hanno confiscato un enorme carico d’armi provenienti dall’Iran (171 missili terra-aria e otto missili anticarro) e 1,1 milioni di barili di prodotti petroliferi. Il carico d’armi, trovato su due «navi senza bandiera» nel Mar Arabico, era destinato agli Houthimanus longa dell’Iran in Yemen. I prodotti petroliferi, invece, sequestrati da petroliere battenti bandiera straniera, erano in rotta verso il Venezuela. «Il successo annunciato dal Dipartimento di Giustizia rappresenta un’altra significativa vittoria nel contrasto delle nefaste attività criminali del regime iraniano e del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica» ha affermato l’agente speciale Ray Villanueva. «Le azioni condotte [dagli Stati Uniti] dimostrano che non importa dove nel mondo l’Iran tenti di violare le sanzioni e armare entità pericolose, il Dipartimento della sicurezza interna è pronto a interrompere le attività iraniane e a difendere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti». La notizia arriva proprio mentre continuano i negoziati sul nucleare fra Iran e Usa. Il fatto curioso però è che, mentre il Dipartimento di Giustizia americano pubblica un annuncio simile a una dichiarazione di guerra contro l’Iran, l’amministrazione Biden sostiene invece di essere disponibile a trovare un accordo con Teheran. C’è infatti chi sostiene che nell’amministrazione americana vi siano due correnti di pensiero opposte sulla questione nucleare iraniana. Se il “New York Times” ha scritto che tra gli Stati Uniti e Israele ci sono forti contrasti sull’approccio verso l’Iran, a giudizio del “Jerusalem Post” i due Paesi sono invece sempre più vicini nella loro posizione contro la Repubblica islamica. Alcuni analisti sostengono inoltre che le lotte interne all’amministrazione americana siano sempre più evidenti e che non riguarderebbero soltanto la questione iraniana, ma anche le politiche da adottare in Paesi come il Libano o il Sudan. Secondo i media americani, infatti, l’inviato speciale per il Corno d’Africa Jeffrey Feltman vorrebbe punire i generali sudanesi per il recente colpo di Stato, mentre l’assistente del segretario di Stato per l’Africa Molly Phee spinge per una linea più morbida nei confronti dell’esercito sudanese. Intanto Israele vuole coordinarsi militarmente con Washington per essere pronto a rispondere a una probabile escalation militare da parte dei proxies dell’Iran. La scorsa settimana, infatti, Hamas ha annunciato l’intenzione di voler ricominciare gli attacchi missilistici contro Israele. Domenica il primo ministro israeliano Naftali Bennett è pertanto andato negli Emirati Arabi, probabilmente per trovare supporto nell’eventualità di un attacco contro l’Iran. Abu Dhabi cerca però di mantenere un profilo basso. Gli Stati Uniti infatti sembrano essere assenti e i leader emiratini non vogliono ritrovarsi, senza protezione, a essere bersaglio dell’Iran. Il capo consigliere emiratino per la sicurezza, Sheikh Tahnoon bin Zayed Al Nahyan, è persino andato la scorsa settimana a Teheran in visita ufficiale. La stessa Arabia Saudita sta seguendo l’esempio degli Emirati Arabi e sta cercando di trovare accordi economici e diplomatici con Teheran, nonostante la capitale saudita Riyadh sia stata nuovamente attaccata da missili lanciati dagli Houthi. A questo punto, Israele spera di non rimanere a combattere da solo contro il regime della Repubblica islamica dell’Iran. di Anna Mahjar-Barducci

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Protesta italiana per il Mediterraneo a uno spagnolo

20 Luglio 2024
Perché nominare uno spagnolo come rappresentante speciale della Nato per i rapporti con i Paesi …

ReVisioni politiche

20 Luglio 2024
Tante posture e parole d’ordine hanno traslocato da sinistra a destra e viceversa. Un’analisi di…

Taxi, cade l’ultimo velo della vergogna

20 Luglio 2024
Taxi, arriva la sentenza della Corte costituzionale: “Il blocco delle licenze lede i diritti dei…

Quando l’ideologia sfocia nell’irrilevanza

19 Luglio 2024
La scelta di FdI di votare contro la conferma di Ursula Von der Leyen mostra tutta l’irrilevanza…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI