app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Italia dichiarazione Ue diritti Lgbtiq+

L’Italia non firma la dichiarazione Ue sui diritti Lgbtiq+

L’Italia non ha firmato la dichiarazione Ue per la promozione delle politiche europee a favore delle comunità Lgbtiq+

|

L’Italia non firma la dichiarazione Ue sui diritti Lgbtiq+

L’Italia non ha firmato la dichiarazione Ue per la promozione delle politiche europee a favore delle comunità Lgbtiq+

|

L’Italia non firma la dichiarazione Ue sui diritti Lgbtiq+

L’Italia non ha firmato la dichiarazione Ue per la promozione delle politiche europee a favore delle comunità Lgbtiq+

|
|

L’Italia non ha firmato la dichiarazione Ue per la promozione delle politiche europee a favore delle comunità Lgbtiq+

L’Italia non ha firmato la dichiarazione Ue per la promozione delle politiche europee a favore delle comunità Lgbtiq+. Sono 9 in totale (su 27) coloro che non hanno aderito: Italia, Ungheria, Romania, Bulgaria, Croazia, Lituania, Lettonia, Repubblica Ceca e Slovacchia.

I firmatari del testo “si impegnano ad attuare strategie nazionali per le persone Lgbtiq+” e a sostenere la nomina di un nuovo Commissario per l’uguaglianza in vista della prossima Commissione.

Secondo fonti del ministero della Famiglia contattate dall’agenzia Ansa, la decisione dell’Italia (che sarebbe stata “presa giorni fa”) sarebbe arrivata perché “era in realtà sbilanciata sull’identità di genere, quindi fondamentalmente il contenuto della legge Zan”, questa quindi la motivazione.

Lo scorso 7 maggio l’Italia aveva invece aderito alla dichiarazione contro omofobia, transfobia e bifobia “perché era relativa alla non discriminazione rispetto all’orientamento sessuale”, secondo quanto spiegato da fonti del ministero della Famiglia.

“Il governo italiano è in prima linea contro ogni discriminazione in tutto il mondo, da qualsiasi parte provenga, mentre la sinistra usa la sacrosanta lotta contro le discriminazioni legate all’orientamento sessuale come foglia di fico per nascondere il suo vero obiettivo e cioè il gender”, le parole della ministra per la famiglia Eugenia Roccella.

“Che rabbia e che vergogna questo governo che decide di non firmare una dichiarazione per le politiche europee a favore delle persone Lgbtqi+. Non è accettabile” dichiara la segretaria del Pd Elly Schlein.

di Mario Catania

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Autonomia, caos alla Camera: “Pugni in testa a Donno, deputato M5S” – IL VIDEO

12 Giugno 2024
Attimi di grande tensione alla Camera durante il dibattito sul ddl Calderoli sull’autonomia diff…

Berlusconi, attacco M5S durante commemorazione: Forza Italia lascia l’Aula

12 Giugno 2024
Scintille durante la commemorazione di Silvio Berlusconi alla Camera. M5S: “Noi riteniamo che l’…

Elettori orfani

12 Giugno 2024
I più clamorosi successi di queste elezioni europee sono tutti al femminile. Il loro ruolo decis…

Un anno dalla morte di Silvio Berlusconi

12 Giugno 2024
Oggi alle ore 15 il ricordo al Senato, lo speciale Mediaset. Il j’accuse della figlia Barbara: “…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI