app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

La fine del movimento 5 stelle

La parabola politica del M5s era cominciata con la carica anticasta e con la lotta ai vitalizi, ai poltronari, alle auto blu, ai politici che si fanno eleggere per troppi mandati ed è finita nel battibecco tra chi vuol restare al governo e chi se ne vuole andare
|

La fine del movimento 5 stelle

La parabola politica del M5s era cominciata con la carica anticasta e con la lotta ai vitalizi, ai poltronari, alle auto blu, ai politici che si fanno eleggere per troppi mandati ed è finita nel battibecco tra chi vuol restare al governo e chi se ne vuole andare
|

La fine del movimento 5 stelle

La parabola politica del M5s era cominciata con la carica anticasta e con la lotta ai vitalizi, ai poltronari, alle auto blu, ai politici che si fanno eleggere per troppi mandati ed è finita nel battibecco tra chi vuol restare al governo e chi se ne vuole andare
|
|
La parabola politica del M5s era cominciata con la carica anticasta e con la lotta ai vitalizi, ai poltronari, alle auto blu, ai politici che si fanno eleggere per troppi mandati ed è finita nel battibecco tra chi vuol restare al governo e chi se ne vuole andare
Sim Salabim, fate attenzione al cappello. Non c’è inganno, non c’è trucco e non ci sono più manco i 5 Stelle. Fondati e animati per anni da un comico, Beppe Grillo, che voleva darci l’America e ha finito col darsi alla politica, i 5 Stelle – con la crisi di governo e il consueto segue dibattito – chiudono di fatto oggi una parabola politica assai breve ma durata anche troppo. Era cominciata con la carica anticasta e con la lotta ai vitalizi, ai poltronari, alle auto blu, ai politici che si fanno eleggere per troppi mandati (come se la democrazia avesse una scadenza quando invece è esercizio libero del voto dei cittadini) ed è finita nel battibecco tra chi vuol restare al governo e chi se ne vuole andare. Per non elencare, prima di questi ultimi giorni, le diaspore consumate dentro la pattuglia dei parlamentari grillini – con le uscite tra gli altri di Emilio Carelli, Gianluigi Paragone e Luigi Di Maio – il vero contrappasso pensando alla loro breve storia è in fondo nelle origini. Sarebbe stato assai più coerente che il destino li avesse fatti fondare dal mago Silvan a cui i numeri riuscivano sempre. Chiedersi dove andranno adesso i grillini, dopo aver preso oltre il 32% dei voti nel 2018 e averli consumati mese dopo mese, è un po’ come chiedersi la fine che potrebbe fare il coniglio di un mago quando non esce più dal cilindro. Abracadabra, Sim Salabim, tac, tac: consumate tutte le formule e smarrita l’attesa, c’è da augurarsi che non finisca alla cacciatora. Con le olive. Pardon, con l’Ulivo.   Di Aldo Smilzo

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Il “caso Toti” e il “caso giustizia” italiano

12 Luglio 2024
Le accuse rivolte a Toti non giustificano né la carcerazione preventiva né la sua infinita durat…

Nato coesa e compatta

11 Luglio 2024
Il sogno di Berlusconi (una Nato di fratellanza globale) oggi non è più possibile e la responsab…

Francia, orientati a Oriente e sconfitti

09 Luglio 2024
La destra in Francia ha perso ed è rimasta minoranza nell’elettorato: orientati a Oriente non si…

“Macron deve far governare noi”, così Mélenchon dopo i primi risultati degli exit poll

07 Luglio 2024
Jean-Luc Mélenchon: “Il Nuovo Fronte Popolare deve governare”, Macron invita alla prudenza, duri…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI