app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Matteo Renzi Arabia Saudita

Legittimo ma non opportuno

Dopo aver ricevuto circa un milione e centomila euro dall’Arabia Saudita guadagnati per la sua attività di conferenziere, l’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi replica dicendo che “è tutto in regola”. Sempre che la regola sia quella della legittimità.
| ,

Legittimo ma non opportuno

Dopo aver ricevuto circa un milione e centomila euro dall’Arabia Saudita guadagnati per la sua attività di conferenziere, l’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi replica dicendo che “è tutto in regola”. Sempre che la regola sia quella della legittimità.
| ,

Legittimo ma non opportuno

Dopo aver ricevuto circa un milione e centomila euro dall’Arabia Saudita guadagnati per la sua attività di conferenziere, l’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi replica dicendo che “è tutto in regola”. Sempre che la regola sia quella della legittimità.
| ,
| ,
Dopo aver ricevuto circa un milione e centomila euro dall’Arabia Saudita guadagnati per la sua attività di conferenziere, l’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi replica dicendo che “è tutto in regola”. Sempre che la regola sia quella della legittimità.
Siamo cittadini-elettori sempre meno praticanti e sempre più disincantati di fronte agli annunci roboanti. Se pochi avevano creduto a Veltroni volontario in Africa, nessuno si attendeva che Renzi – sconfitto al referendum costituzionale – lasciasse la politica per dedicarsi finalmente a una professione. Senonché l’ex presidente del Consiglio ha deciso di colorare il suo tramonto politico con pennellate inedite: parlamentare della Repubblica che in Italia dispensa gratis opinioni a telespettatori annoiati e al tempo stesso conferenziere e consulente di società e governi di Paesi stranieri. Anche un pochetto particolari, come Russia e Arabia Saudita. La notizia di un suo recente giroconto di un milione e centomila euro così guadagnati scandalizza i suoi per «illecita violazione del segreto bancario e della privacy». Reagendo agli antipatizzanti, Renzi fa invece l’offeso: «È tutto in regola». Sempre che la regola sia quella della legittimità, non quella dell’opportunità e dell’affidabilità politica di chi già riceve un onorevole stipendio per difendere prima di tutto gli interessi del suo Paese.   di Vittorio Pezzuto

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Interrogatorio Toti, il governatore: “Ogni euro incassato è stato destinato alla politica”

23 Maggio 2024
Dopo 8 ore – e 180 domande preparate dai pm – si è concluso l’interrogatorio del governatore del…

Redditometro retromarcia: cancellato in 24 ore

23 Maggio 2024
Cancellato in 24 ore il redditometro: via alla tremarella per chi fa confusione fra la persecuzi…

Piccoli con i Forti

21 Maggio 2024
Capita che il rientro di un nostro connazionale condannato all’ergastolo negli Stati Uniti, Chic…

La libertà di espressione e l’incertezza della legge

21 Maggio 2024
Il problema di conciliare la libertà di espressione e il rispetto della persona umana: due princ…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI