app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

L’idea in sé è sbagliata non la facciata

Il superbonus 110% è un errore irrimediabile, congegnato in modo da far cadere il sano conflitto d’interessi tra venditore e acquirente.
| ,

L’idea in sé è sbagliata non la facciata

Il superbonus 110% è un errore irrimediabile, congegnato in modo da far cadere il sano conflitto d’interessi tra venditore e acquirente.
| ,

L’idea in sé è sbagliata non la facciata

Il superbonus 110% è un errore irrimediabile, congegnato in modo da far cadere il sano conflitto d’interessi tra venditore e acquirente.
| ,
| ,
Il superbonus 110% è un errore irrimediabile, congegnato in modo da far cadere il sano conflitto d’interessi tra venditore e acquirente.
Non c’è verso, quando una cosa nasce storta non si riesce a raddrizzarla. Il bonus, oramai detto superbonus 110% è un ipererrore irrimediabile. Congegnato in modo da far cadere il sano conflitto d’interessi fra venditore e acquirente – il primo volendo massimizzare l’incasso e l’altro volendo minimizzare la spesa – s’è messa in moto una diabolica e dissennata convergenza d’interessi a porre tutto in conto allo Stato, laddove una valutazione alta del valore dei lavori da eseguire è conveniente per ambo le parti. Una follia. Inoltre si potevano subito incassare i soldi girando a terzi il credito nei confronti dello Stato, sicché alla dissennatezza si sono unite le truffe. A quel punto s’è provato a inserire correttivi che arginassero i raggiri ma – non potendo distinguere fra chi sia un imbroglione e chi stia realmente e onestamente operando – s’è finito con l’aggravare gli oneri burocratici per tutti e spostare responsabilità d’accertamento sui destinatari del credito, i quali hanno (saggiamente) smesso di accettarli. Col risultato che si è bloccato tutto. Al punto in cui siamo giunti non serve la milionesima semplificazione, per giunta scritta in modo incomprensibile e traducentesi in complicazione: serve radere al suolo quel bonus, i cui orrori non stanno sulla facciata ma alle fondamenta. Il tutto serva d’esempio e lo si rammenti quando un branco d’incapaci pretende di governare facendo politiche che definiscono ‘sociali’ e sono dilapidatorie. Questa non è la prima, è solo la peggio concepita.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Interrogatorio Toti, il governatore: “Ogni euro incassato è stato destinato alla politica”

23 Maggio 2024
Dopo 8 ore – e 180 domande preparate dai pm – si è concluso l’interrogatorio del governatore del…

Redditometro retromarcia: cancellato in 24 ore

23 Maggio 2024
Cancellato in 24 ore il redditometro: via alla tremarella per chi fa confusione fra la persecuzi…

Piccoli con i Forti

21 Maggio 2024
Capita che il rientro di un nostro connazionale condannato all’ergastolo negli Stati Uniti, Chic…

La libertà di espressione e l’incertezza della legge

21 Maggio 2024
Il problema di conciliare la libertà di espressione e il rispetto della persona umana: due princ…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI