app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Comunicazione nell’era digitale

I social network sono una delle armi più potenti della guerra e lo dimostrano i numerosi tweet e messaggi che i leader internazionali mandano per comunicare, informare, smentire o punzecchiare.
|

Comunicazione nell’era digitale

I social network sono una delle armi più potenti della guerra e lo dimostrano i numerosi tweet e messaggi che i leader internazionali mandano per comunicare, informare, smentire o punzecchiare.
|

Comunicazione nell’era digitale

I social network sono una delle armi più potenti della guerra e lo dimostrano i numerosi tweet e messaggi che i leader internazionali mandano per comunicare, informare, smentire o punzecchiare.
|
|
I social network sono una delle armi più potenti della guerra e lo dimostrano i numerosi tweet e messaggi che i leader internazionali mandano per comunicare, informare, smentire o punzecchiare.

«Miei compagni ucraini ci sono molte informazioni false su Internet ora… Bene, io sono qui, non deporremo nessuna arma e difenderemo il nostro Paese, perché la nostra arma è la nostra verità… Gloria all’Ucraina». Con questo tweet il presidente Volodymyr Zelensky, postando anche un video davanti al palazzo presidenziale, ha messo fine a tutti i dubbi su una sua presunta precipitosa fuga da Kiev. Nel frattempo il presidente bielorusso Lukashenko si è impegnato a far svolgere in condizioni di sicurezza i negoziati di pace e lo ha fatto con un messaggio su Telegram.

Sono segnali chiarissimi che ormai anche i social network sono una delle armi da usare in guerra. Perché non servono soltanto a ciascuno di noi per raccontare le nostre vite e cercare amici ma anche ai leader per comunicare, informare, smentire o punzecchiare. Come ha fatto lo stesso Zelensky con Mario Draghi per esprimere tutto il suo disappunto per una mancata telefonata.

Ormai la Rete è il mezzo principale di comunicazione non solo per i leader internazionali ma anche per i fatti politici di casa nostra. Tutti ricordiamo come molte delle schermaglie sui candidati al Quirinale siano passate dai social network e non certo dal Parlamento. Il gradimento su Sabino Cassese, Elisabetta Belloni, Giuliano Amato, Pier Ferdinando Casini è stato affidato a messaggi social e non al voto dei Grandi elettori, dato che la nostra democrazia è sempre più spostata sulla piazza telematica.

Ma la guerra ucraina sta facendo emergere con forza anche un altro grande problema: il controllo sulle fake news, i falsi diffusi ad arte. Politici e analisti si sono lamentati che le grandi piattaforme non abbiano fatto abbastanza per limitare la disinformazione sulla guerra e così Facebook ha annunciato di aver messo in campo uno special operations center, proprio per moderare in tempo reale i contenuti sulle sue piattaforme. Perché ormai le nostre vite passano dai social e quindi anche la guerra si combatte in Rete.

 

Alfonso Celotto

Fedez, che imbarazzo

Soltanto tanto imbarazzo per Fedez che nella vicenda Emanuela Orlandi farebbe bene a tacere

Dietro quelle sbarre

La verità è che nel sistema carcerario italiano ci sono problemi enormi da anni, a cominciare dag…

Il coming out è un obbligo?

Quello che è successo al Liceo Classico di Ferrara ha avuto un grande eco

Gianni Agnelli, l’italiano più famoso del mondo

Vent’anni senza Gianni Agnelli tra invidie e presunte verità

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl