app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app

Digisicurezza

Il caso dei Green Pass falsi con cui dei criminali avevano creato un vero e proprio mercato nero mette in risalto tutta la debolezza delle nostre reti informatiche. Servono investimenti e subito.
| ,

Digisicurezza

Il caso dei Green Pass falsi con cui dei criminali avevano creato un vero e proprio mercato nero mette in risalto tutta la debolezza delle nostre reti informatiche. Servono investimenti e subito.
| ,

Digisicurezza

Il caso dei Green Pass falsi con cui dei criminali avevano creato un vero e proprio mercato nero mette in risalto tutta la debolezza delle nostre reti informatiche. Servono investimenti e subito.
| ,
| ,
Il caso dei Green Pass falsi con cui dei criminali avevano creato un vero e proprio mercato nero mette in risalto tutta la debolezza delle nostre reti informatiche. Servono investimenti e subito.

Il caso dei Green Pass falsi, con cui un’intraprendente associazione criminale aveva messo in piedi un vero e proprio mercato nero, non deve essere letto e commentato sul piano della sola cronaca. Tentazione comprensibile, considerati i diversi spunti gustosi, ma insufficiente. Facciamo ordine.

La banda aveva ideato un sistema ingegnoso, usando la rete delle farmacie come cavallo di Troia per penetrare e hackerare le reti informatiche sanitarie regionali. Ci sono riusciti in ben sei Regioni d’Italia: oltre la Campania (da dove l’inchiesta è partita), Puglia, Lazio, Lombardia, Calabria e Veneto. Riuscivano nel loro intento spacciandosi per emissari della Soresa, la società informatica che cura le reti sanitarie, con ignari farmacisti. Con quelli di loro un po’ più sprovveduti (questo va pur detto), bastava denunciare il rischio di una frode informatica per farsi consegnare la password ed entrare in rete.

Il trucco, persino banale, aveva già fruttato una discreta somma, raccolta fra chi si ritiene così furbo da pagare un Green Pass falso pur di non vaccinarsi e poter continuare ad andare al ristorante, allo stadio e così via. Questa, lo ripetiamo, è la cronaca, interessante quanto si vuole ma insufficiente a farci scorgere il vero problema. Anzi, il rischio colossale a cui ci esponiamo, continuando a gestire la nostra vita pubblica attraverso reti mal difese o almeno violabili con semplicità sconcertante.

Come avete appena letto, il caso dei Green Pass falsi porta, sinora, in sei diverse Regioni. Da Nord a Sud, in tutta evidenza, abbiamo un gigantesco problema di sicurezza, reso ancora più inquietante da quanto accaduto appena la scorsa estate. Ricorderete il clamoroso hackeraggio subito dalla rete sanitaria della Regione Lazio in agosto e la richiesta di riscatto per riattivare il sistema di prenotazioni dei vaccini posto sotto ‘sequestro’. Non sappiamo dove e come sia finita la relativa inchiesta, ma sappiamo che appena quattro mesi dopo la stessa Regione Lazio, insieme ad altre cinque, è stata nuovamente vittima di una violazione sin troppo agevole.

Arrivati a questo punto, il piano è duplice: da un lato, sarebbe bene conoscere nel dettaglio il rapporto qualità-prezzo dei lavori di gestione e sicurezza delle reti appaltate alle diverse società in tutto il Paese. Perché è inconcepibile la sensazione di insicurezza – saremmo felicissimi di essere smentiti – che se ne ricava. Troppi casi, in troppo poco tempo. Al contempo, è opportuno fare una riflessione di sistema: che senso ha riempirsi la bocca di digitalizzazione, sproloquiare di blockchain come sistema per certificare in rete la validità di documenti, transazioni o altro, se non riusciamo a garantire l’inviolabilità anche di un banalissimo Green Pass? Oggi possiamo occuparci di un caso tutto sommato circoscritto e dagli effetti pressoché nulli, ma se in un disgraziatissimo domani dovessero essere violate le reti pubbliche in cui vengono immagazzinati milioni di dati sensibili rischieremmo un default di sistema.

La (vera) sicurezza informatica costa moltissimo ed è una continua rincorsa a un mondo criminale che dà la sensazione di essere sempre un passo avanti, ma sarebbe da aspiranti suicidi pensare di risparmiare o accontentarsi. In realtà, dovremmo ragionare non in termini di costi ma di investimenti, perché dalla sicurezza delle reti pubbliche deriva la stabilità e la certezza della nostra vita quotidiana. Non è un film, ma potrebbe diventare un incubo.

 

di Fulvio Giuliani

Chi continua a lanciare i pallini alla prof

La prof “impallinata” a Rovigo lamenta di essere stata lasciata sola. La responsabilità degli adu…

Come usiamo le opportunità del digitale in Italia?

Statistiche alla mano, l’Italia ha uno sviluppo digital nella media. Almeno, finché non si tratta…

Dalla rapina in casa allo sfogo di Facchinetti contro i politici

Dopo la rapina in casa del padre, Francesco Facchinetti ha fatto un video dove reclama più sicure…

Questione di genere, grammatica e sostanza

Siamo proprio sicuri che la battaglia per il rispetto di genere e di chi non si senta inquadrabil…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl