app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
giornalista molestata

La porcheria è chiara, ora la giustizia

Uno dei responsabili delle molestie chiede alla giornalista Greta Baccaglia di ritirare la denuncia. Lei non lo farà, anche per dare voce alle tante donne costrette a subire senza la testimonianza delle telecamere.
| ,

La porcheria è chiara, ora la giustizia

Uno dei responsabili delle molestie chiede alla giornalista Greta Baccaglia di ritirare la denuncia. Lei non lo farà, anche per dare voce alle tante donne costrette a subire senza la testimonianza delle telecamere.
| ,

La porcheria è chiara, ora la giustizia

Uno dei responsabili delle molestie chiede alla giornalista Greta Baccaglia di ritirare la denuncia. Lei non lo farà, anche per dare voce alle tante donne costrette a subire senza la testimonianza delle telecamere.
| ,
| ,
Uno dei responsabili delle molestie chiede alla giornalista Greta Baccaglia di ritirare la denuncia. Lei non lo farà, anche per dare voce alle tante donne costrette a subire senza la testimonianza delle telecamere.
Chiede ora di ritirare la denuncia uno dei tifosi protagonisti del brutto episodio che ha coinvolto la giornalista Greta Baccaglia. Ma la Procura ha già aperto un fascicolo per molestie. Perché quello che è avvenuto in diretta tv a margine di Empoli-Fiorentina non è una goliardata. Lei che sta semplicemente facendo il suo lavoro e viene palpeggiata e insultata. Per fortuna, come lei stessa ha detto, questa volta c’è un filmato che è inequivocabile. In tanti altri casi no, ma qui al di là del dibattito che inevitabile si è scatenato sui social, anche per la reazione del conduttore in studio che l’ha invitata a non prendersela, restano le immagini. E a poco vale che ora uno di loro sempre a mezzo social si scusi e chieda alla giornalista di fare un passo indietro sulla denuncia. Intanto per le molestie si può procedere d’ufficio, quindi non cambierebbe nulla. E comunque lei non lo farà, anche perché si è in qualche modo fatta portavoce di tante altre che subiscono episodi più o meno gravi e la forza di denunciare non ce l’hanno. Ovvio era poi che il video diventasse argomento di discussione in Rete, ma il punto è che qui – come in qualsiasi altro caso vi sia una evidente prova di reato – non spetta all’opinione pubblica la pur comprensibile levata di scudi ma alla giustizia punire chi di quei reati è responsabile. In tutto questo, un plauso alla giornalista che – in qualche modo costretta a metterci la faccia – ha fatto di questo episodio un messaggio rivolto ad altre meno note, che meritano lo stesso rispetto. di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

I ragazzi italiani che non t’aspetti

24 Maggio 2024
Sono più liberi dei loro genitori, sono la generazione delle app, della tecnologia che rischia d…

La fuga dei prof da Milano e le verità scomode

24 Maggio 2024
Quasi 800 insegnanti di scuole medie e superiori hanno lasciato Milano per tornare nelle loro pr…

32 anni fa la strage di Capaci, Mattarella: “mafia sempre in agguato, destinata a finire”

23 Maggio 2024
Era il 12 maggio del 1992 quando il giudice Falcone ricevette il pizzino con cui (con molta prob…

“Sindrome Italia”: ammalarsi aiutando i fragili

20 Maggio 2024
Ogni anno sono più di 200 le badanti ricoverate perché affette dalla “Sindrome Italia” e non è u…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI