app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Ammiratori Putin

Gli ammiratori silenziosi (non troppo) di Putin

La galassia composita di ammiratori di Putin sempre pronta a giustificare “zio Vladimir” non conosce limiti alla propria retorica e soprattutto alcuna vergogna
|

Gli ammiratori silenziosi (non troppo) di Putin

La galassia composita di ammiratori di Putin sempre pronta a giustificare “zio Vladimir” non conosce limiti alla propria retorica e soprattutto alcuna vergogna
|

Gli ammiratori silenziosi (non troppo) di Putin

La galassia composita di ammiratori di Putin sempre pronta a giustificare “zio Vladimir” non conosce limiti alla propria retorica e soprattutto alcuna vergogna
|
|
La galassia composita di ammiratori di Putin sempre pronta a giustificare “zio Vladimir” non conosce limiti alla propria retorica e soprattutto alcuna vergogna
Cosa serve ai putiniani in servizio permanente effettivo per capire che siamo in presenza di un dittatore spietato come pochi e di raro cinismo? Cos’altro dovrebbe “fare” lo zar di Mosca per spingere anche i tragicomici “resistenti“ di casa nostra a cambiare idea o almeno starsene zitti una buona volta?  La verità è che l’unica risposta plausibile a queste domande retoriche è: “nulla”.  Perché quella galassia composita sempre pronta a giustificare zio Vladimir – a base di “ma però Biden”, “parliamo però anche del genocidio di Israele”, “l’Occidente ha costretto la madre Russia a difendersi “, “è stato obbligato dai nazisti ucraini schiavi della Nato alla guerra” – non conosce limiti alla propria retorica e soprattutto alcuna vergogna. Lasciamo anche perdere gli esponenti politici che in fin dei conti si limitano a replicare quello che hanno sempre detto e pensato: è gente a cui talvolta semplicemente scappano i propri istinti dialettici e retorici. Quello che colpisce e fa più male è il mondo di chi commenta, fa finta di argomentare, polemizza contro chiunque osi ricordare la bestialità della guerra scatenata contro gli ucraini o il dramma degli omicidi politici come quello di Alexei Navalny. Il mondo di chi chiude gli occhi davanti alla realtà, reagisce insultando chiunque ricordi la discesa all’inferno di quest’uomo ossessionato, terrorizzato sino al midollo da qualsiasi forma di opposizione e limite alla propria bulimia di potere.  A ben vedere nulla di nuovo, ci siamo già passati in alcune delle fasi più terribili della storia d’Europa: costoro sognano l’uomo forte, la dittatura nella forma fintamente addolcita di “democratura”. Lo fanno per reagire a una realtà che non capiscono, la realtà dei diritti diffusi, delle diversità di etnia, religione, idee intese come ricchezza. La realtà che non capiscono, chiusi nella loro quattro mura mentali. Spaventati a morte da tutto ciò che non sia tanto rassicurante quanto noioso e talvolta imbarazzante.  Ripetiamo, non ci riferiamo a politici, presunti intellettuali, buffoni di corte da talk show e compagnia bella. Stiamo parlando di persone come noi, che godono appieno dei vantaggi di quei sistemi democratici e liberali che mostrano di disprezzare con così tanto zelo. A pensarci bene, veri e propri fuoriclasse del masochismo. Così vicini, così lontani. di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La Ragione e Albatros al Fuorisalone di Milano

19 Aprile 2024
Si è tenuto oggi, nell’oasi di Piazza San Marco (in Brera) a Milano, il secondo appuntamento de …

L’intervista video agli studenti in sciopero della fame dell’Università La Sapienza di Roma

18 Aprile 2024
Continuano le proteste all’Università La Sapienza di Roma: le dichiarazioni dei due studenti, Fr…

“Napoli sarà sepolta sotto 30 metri di cenere”: l’allarme della tv svizzera

17 Aprile 2024
Il canale tv svizzero Rsi ha pubblicato un reportage in cui lo scenario per la città di Napoli s…

A Torino vietato fumare all’aperto a meno di 5 metri dalle altre persone

17 Aprile 2024
A Torino sarà vietato fumare all’aperto a una distanza inferiore ai 5 metri da altre persone, a …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI