app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Gli studenti fuori sede potranno votare a distanza

Gli studenti fuori sede potranno votare a distanza, forse

Grazie ad un emendamento al decreto elezioni, gli studenti fuorisede potranno votare a distanze alle europee. Ma il processo è oltremisura macchinoso
|

Gli studenti fuori sede potranno votare a distanza, forse

Grazie ad un emendamento al decreto elezioni, gli studenti fuorisede potranno votare a distanze alle europee. Ma il processo è oltremisura macchinoso
|

Gli studenti fuori sede potranno votare a distanza, forse

Grazie ad un emendamento al decreto elezioni, gli studenti fuorisede potranno votare a distanze alle europee. Ma il processo è oltremisura macchinoso
|
|
Grazie ad un emendamento al decreto elezioni, gli studenti fuorisede potranno votare a distanze alle europee. Ma il processo è oltremisura macchinoso
Più volte su queste pagine ho scritto dell’impossibilità dei cosiddetti fuori sede di votare senza essere costretti a tornare al proprio luogo di residenza. Spesso formale, visto che all’incirca 5 milioni di italiani vivono in un luogo diverso per motivi di studio, lavoro o cura. Sin qui le strade sono state due: accollarsi le spese e tornare a casa per votare, oppure rinunciarvi. Da anni numerosi comitati di studenti (fra questi “Voto dove vivo”) sono mobilitati perché il Parlamento consenta ai fuori sede di poter votare dal loro luogo di residenza temporanea. Finalmente le cose ora potrebbero cambiare. La commissione Affari costituzionali del Senato ha infatti approvato un emendamento al decreto elezioni che, in via sperimentale, consentirà di votare a distanza alle europee. Gli interessati potranno inviare una richiesta al proprio Comune di residenza 35 giorni prima della data delle elezioni, comunicando il proprio domicilio temporaneo. Da lì potranno votare senza spostarsi, se la circoscrizione elettorale è la stessa della loro città di origine. Altrimenti dovranno raggiungere il capoluogo della regione in cui stanno studiando. Un processo macchinoso e che riguarda soltanto gli studenti, visto che la sperimentazione esclude i lavoratori fuori sede e quanti lo diventano per motivi di salute e cura. Il testo dovrà ora essere approvato entro fine marzo. In un Paese in cui il voto elettronico è ancora un miraggio, non è molto ma è qualcosa. Tocca accontentarsi. di Luigi Santarelli

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Cassazione e autovelox fuorilegge

23 Aprile 2024
Una sentenza esemplare della Corte di Cassazione comporterà effetti immediati su tutti gli autov…

La Ragione e Albatros al Fuorisalone di Milano

19 Aprile 2024
Si è tenuto oggi, nell’oasi di Piazza San Marco (in Brera) a Milano, il secondo appuntamento de …

L’intervista video agli studenti in sciopero della fame dell’Università La Sapienza di Roma

18 Aprile 2024
Continuano le proteste all’Università La Sapienza di Roma: le dichiarazioni dei due studenti, Fr…

“Napoli sarà sepolta sotto 30 metri di cenere”: l’allarme della tv svizzera

17 Aprile 2024
Il canale tv svizzero Rsi ha pubblicato un reportage in cui lo scenario per la città di Napoli s…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI