app-menu Social mobile

Scarica e leggi gratis su app
Fedez

Il coraggio di dare un nome alla malattia

Bene hanno fatto Fedez e sua moglie Chiara Ferragni a raccontare quello che stava succedendo, ricordando l’importanza della diagnosi precoce e chiamando le cose con il loro nome

| ,

Il coraggio di dare un nome alla malattia

Bene hanno fatto Fedez e sua moglie Chiara Ferragni a raccontare quello che stava succedendo, ricordando l’importanza della diagnosi precoce e chiamando le cose con il loro nome

| ,

Il coraggio di dare un nome alla malattia

Bene hanno fatto Fedez e sua moglie Chiara Ferragni a raccontare quello che stava succedendo, ricordando l’importanza della diagnosi precoce e chiamando le cose con il loro nome

| ,
| ,

Bene hanno fatto Fedez e sua moglie Chiara Ferragni a raccontare quello che stava succedendo, ricordando l’importanza della diagnosi precoce e chiamando le cose con il loro nome

Non tutti lo amano, di certo ha un enorme successo. Quello che è accaduto a Fedez lo avvicina straordinariamente a tutti noi. A 32 anni ritrovarsi con una diagnosi di tumore al pancreas è una batosta difficile da immaginare. E bene però hanno fatto, lui e la moglie Chiara Ferragni, a raccontare quello che stava accadendo. Intanto perché ci ricordano la straordinaria importanza di una diagnosi precoce, poi perché fino a pochi anni fa quel tipo di tumore significava ben poche speranze di sopravvivenza. Oggi non è più così e lo dobbiamo ai nostri straordinari ricercatori, spesso precari e quasi sempre sottopagati. Eccellenze che consentono di affidarsi a un sistema sanitario di cui, in molti casi, possiamo andare fieri.

Che ci piaccia o meno, questa coppia rapper-influencer ha avuto il coraggio di essere coerente: sui social hanno raccontato la loro vita e lì hanno parlato in modo chiaro di quello che stava accadendo a Fedez. Senza giri di parole, senza parlare di mali oscuri come a volte ancora si tende a fare. Ma dando un nome alle cose, anche se quel nome fa paura. E visto quanto sono amati dai giovani, il loro in questo caso è un bell’esempio. Speriamo che sia anche una spinta ulteriore a investire nella medicina di casa nostra. Su tutto però, ora l’auspicio è che Fedez possa vincere questa battaglia. E un plauso per non aver avuto vergogna di mostrare quanto dietro un personaggio ci sia sempre e soprattutto una persona. Che può essere fragile e avere bisogno di aiuto.

di Gaia Bottoni

Chi continua a lanciare i pallini alla prof

La prof “impallinata” a Rovigo lamenta di essere stata lasciata sola. La responsabilità degli adu…

Come usiamo le opportunità del digitale in Italia?

Statistiche alla mano, l’Italia ha uno sviluppo digital nella media. Almeno, finché non si tratta…

Dalla rapina in casa allo sfogo di Facchinetti contro i politici

Dopo la rapina in casa del padre, Francesco Facchinetti ha fatto un video dove reclama più sicure…

Questione di genere, grammatica e sostanza

Siamo proprio sicuri che la battaglia per il rispetto di genere e di chi non si senta inquadrabil…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI

LA RAGIONE – LE ALI DELLA LIBERTA’ SCRL
Direttore editoriale Davide Giacalone
Direttore responsabile Fulvio Giuliani
Sede legale: via Senato, 6 - 20121 Milano (MI) PI, CF e N. iscrizione al Registro Imprese di Milano: 11605210969 Numero Rea: MI-2614229

Per informazioni scrivi a info@laragione.eu

Copyright © La Ragione - leAli alla libertà

Powered by Sernicola Labs Srl