app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Propaganda russa in Italia

Il rumore della propaganda di Putin

Secondo l’ultimo sondaggio dell’Istituto Demoscopico Noto, il 5% degli italiani crede alla ricostruzione di Putin sulla strage di Mosca. Quote risibili in termini assoluti, ma politicamente rilevanti e trasversali

|

Il rumore della propaganda di Putin

Secondo l’ultimo sondaggio dell’Istituto Demoscopico Noto, il 5% degli italiani crede alla ricostruzione di Putin sulla strage di Mosca. Quote risibili in termini assoluti, ma politicamente rilevanti e trasversali

|

Il rumore della propaganda di Putin

Secondo l’ultimo sondaggio dell’Istituto Demoscopico Noto, il 5% degli italiani crede alla ricostruzione di Putin sulla strage di Mosca. Quote risibili in termini assoluti, ma politicamente rilevanti e trasversali

|
|

Secondo l’ultimo sondaggio dell’Istituto Demoscopico Noto, il 5% degli italiani crede alla ricostruzione di Putin sulla strage di Mosca. Quote risibili in termini assoluti, ma politicamente rilevanti e trasversali

Il sondaggio è recente e soprattutto interessante: secondo i dati raccolti dall’Istituto Demoscopico Noto, solo il 5% degli italiani mostra di credere alla ricostruzione di Vladimir Putin della strage di Mosca. Come dire nessuno o quasi. Un “nessuno“ molto rumoroso, però. Vi basti andare a rivedere quanto da me scritto al riguardo e i relativi commenti. A leggerli, sembra una massa imponente, se non direttamente la maggioranza o qualcosa che ci si avvicini molto. Invece, sempre stando al medesimo sondaggio di Noto, stiamo parlando di una risicatissima minoranza di italiani: quella disposta ad accettare le baggianate che piovono dal Cremlino.

Eppure, quell’assoluta risicata minoranza ha due caratteristiche da tenere bene in mente: una capacità di penetrazione, “disturbo“ e convincimento decisamente superiore alle sue reali dimensioni e il forte radicamento in determinati elettorati. Quanto a questi ultimi, non sono certo una sorpresa, e si ritrovano in Lega e Movimento Cinque Stelle su tutti. Antiche amicizie e vicinanze che tornano sempre all’occorrenza…

Quote risibili in termini assoluti, ma politicamente rilevanti e trasversali. Capaci di provocare effetti che ben conosciamo nel dibattito quotidiano sulla guerra d’aggressione russa all’Ucraina. Ulteriore elemento, la fortuna mediatica di certe posizioni che la stragrande maggioranza degli italiani bolla come improponibili, ma che ripetute ossessivamente negli spettacoli televisivi montati ad arte acquistano una rilevanza e una credibilità spropositate.

Non ci stancheremo mai di ribadirlo, ma abbiamo a che fare con un curioso mix di “utili idioti“ e veri e propri agenti con uno scopo comune: intorpidire le acque e destabilizzare l’opinione pubblica dei Paesi occidentali. È una storia vecchia, che affonda le radici nell’epoca sovietica, quella degli “utili idioti“ appunto. Oggi è cambiato il contesto, ma le meccaniche sono le stesse. Le parole d’ordine arrivano dal Cremlino, in un continuo stop and go di minacce e lusinghe, cui segue con stupefacente regolarità la narrazione “casalinga“.

Non ci crede praticamente nessuno, ma paradossalmente funziona. 

Di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

I ragazzi degli anni ‘70

17 Aprile 2024
Stop a ogni forma di collaborazione con Israele: la pretesa degli studenti del collettivo dell’u…

Conosci te stesso

14 Aprile 2024
Se non sai, l’orgoglio delle radici può trasformarsi in chiusura e la paura è da sempre un pessi…

Scuola: sono troppi tre mesi di vacanza in estate

12 Aprile 2024
L’organizzazione no profit WeWorld e le autrici del blog “Mammadimerda” hanno lanciato la petizi…

Le migliori università al mondo, luci e ombre italiane

11 Aprile 2024
Nella classifica mondiale delle università e delle singole facoltà considerate le migliori a liv…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI