app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

La sconfitta è anche parte della crescita

Un ragazzo di 14 anni, dopo aver preso un brutto voto a scuola, si è lanciato dalla finestra. Nessuno deve pensare che un’insufficienza sia una vergogna, è necessario far comprendere ai giovani che la vita è fatta anche di sconfitte.
| ,

La sconfitta è anche parte della crescita

Un ragazzo di 14 anni, dopo aver preso un brutto voto a scuola, si è lanciato dalla finestra. Nessuno deve pensare che un’insufficienza sia una vergogna, è necessario far comprendere ai giovani che la vita è fatta anche di sconfitte.
| ,

La sconfitta è anche parte della crescita

Un ragazzo di 14 anni, dopo aver preso un brutto voto a scuola, si è lanciato dalla finestra. Nessuno deve pensare che un’insufficienza sia una vergogna, è necessario far comprendere ai giovani che la vita è fatta anche di sconfitte.
| ,
| ,
Un ragazzo di 14 anni, dopo aver preso un brutto voto a scuola, si è lanciato dalla finestra. Nessuno deve pensare che un’insufficienza sia una vergogna, è necessario far comprendere ai giovani che la vita è fatta anche di sconfitte.
C’è la tragedia di un ragazzo di 14 anni che dopo aver preso un brutto voto a scuola si lancia dalla finestra. Quello che è accaduto al liceo scientifico di Ruvo di Puglia non è un unicum, sono diversi i casi di ragazzi che reagiscono in modo drammatico a quello che è un normale scivolone scolastico. Nella circostanza specifica peraltro tutta la classe nell’interrogazione a sorpresa si era beccata un’insufficienza, non solo lui. Un dramma che merita rispetto e che però racconta come a volte la fragilità di questi giovanissimi non venga percepita e di come vi possa essere nei ragazzi l’incapacità di affrontare una sconfitta, di quelle che si imparano fra i banchi di scuola ma di cui poi è piena la vita. Frutto forse anche di una società in cui si è abituati a perseguire la soddisfazione immediata, in cui tutto sembra a portata di mano e a disposizione senza particolari sforzi. Succede così che un inciampo si trasformi in qualcosa di insormontabile, una vergogna insopportabile, anche quando non lo è. Di brutti voti è fatta la storia scolastica di chiunque e imparare a gestire una battuta d’arresto è un momento fondamentale nella trasformazione verso l’età adulta. Spiegarlo spetta certo ai genitori, anche se poi rimane il fatto che dietro un gesto drammatico possano esserci dinamiche difficilmente comprensibili. Nessun ragazzo deve pensare che un’insufficienza sia una vergogna, soprattutto è necessario far comprendere loro che anche di sconfitte è fatta la vita. E che queste fanno parte del percorso di crescita.   di Gaia Bottoni

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La collaborazione tra Italia e Francia, i premi Farnese d’or 2024

21 Giugno 2024
Farnese d’or 2024: un prestigioso premio per valorizzare i rapporti italo-francesi. Ecco chi son…

Ramazzotti-Virzi, VIP ad alta tensione

20 Giugno 2024
La violenta lite avvenuta alcuni giorni fa in un ristorante fra il regista Paolo Virzì e l’attri…

Maturità 2024, al via la seconda prova: Platone al classico, 2 problemi e 8 quesiti allo scientifico. Tutte le materie per ogni indirizzo

20 Giugno 2024
Terminata la prima prova dell’esame di Maturità – certamente emozionante per gli studenti – al v…

I temi passano l’esame di maturità

20 Giugno 2024
Gli argomenti proposti ai maturandi sono apparsi di buona qualità e varietà. Si sono evitate le …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI