app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Lo sconcio di provocazioni conformiste

Su una rivista Lgbt arriva l’immagine della Madonna transessuale. Normale che ci sia chi si è arrabbiato e ha protestato, ma l’autore è libero di esprimere la sua creatività come meglio crede.
| ,

Lo sconcio di provocazioni conformiste

Su una rivista Lgbt arriva l’immagine della Madonna transessuale. Normale che ci sia chi si è arrabbiato e ha protestato, ma l’autore è libero di esprimere la sua creatività come meglio crede.
| ,

Lo sconcio di provocazioni conformiste

Su una rivista Lgbt arriva l’immagine della Madonna transessuale. Normale che ci sia chi si è arrabbiato e ha protestato, ma l’autore è libero di esprimere la sua creatività come meglio crede.
| ,
| ,
Su una rivista Lgbt arriva l’immagine della Madonna transessuale. Normale che ci sia chi si è arrabbiato e ha protestato, ma l’autore è libero di esprimere la sua creatività come meglio crede.
Voleva essere una provocazione e a giudicare dalle reazioni ha centrato l’obbiettivo. Dopo aver dibattuto dei termini politicamente corretti da utilizzare sotto Natale, ecco che sulla copertina di una rivista Lgbt arriva l’immagine della Madonna transessuale. L’autore è un tedesco di origini italiane che sul giornale viene presentato come «ambasciatore speciale Ue». In realtà Bruxelles smentisce abbia qualsiasi ruolo se non quello, privato, di influencer. Sta di fatto che dal centrodestra è partita la levata di scudi: c’è chi ha parlato di «vergognoso insulto», chi di «triste teatrino». Stupisce che ci sia chi si sorprenda, anche perché questo avviene pochi giorni dopo aver messo in discussione l’espressione “Buon Natale”, salvo per fortuna poi fare dietrofront. Mai come in questo periodo si cerca di essere inclusivi, di non urtare la sensibilità di nessuno e spesso si finisce per ottenere il risultato opposto. Come in questo caso, perché quella copertina è inutilmente offensiva. Resta però il fatto che l’autore dell’immagine tanto criticata, che per la cronaca si chiama Riccardo Simonetti, è libero di esprimere la sua creatività come meglio crede. Soprattutto fino a quando c’è chi ritiene che meriti di essere pubblicata, e nello specifico parliamo di una rivista dedicata al mondo queer tedesco. È normale che ci sia chi si è arrabbiato e ha protestato, resta il fatto che criticandola gli ha regalato una celebrità che altrimenti – a ragione, e sarebbe stato meglio – certo non avrebbe avuto.   di Gaia Bottoni

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La collaborazione tra Italia e Francia, i premi Farnese d’or 2024

21 Giugno 2024
Farnese d’or 2024: un prestigioso premio per valorizzare i rapporti italo-francesi. Ecco chi son…

Ramazzotti-Virzi, VIP ad alta tensione

20 Giugno 2024
La violenta lite avvenuta alcuni giorni fa in un ristorante fra il regista Paolo Virzì e l’attri…

Maturità 2024, al via la seconda prova: Platone al classico, 2 problemi e 8 quesiti allo scientifico. Tutte le materie per ogni indirizzo

20 Giugno 2024
Terminata la prima prova dell’esame di Maturità – certamente emozionante per gli studenti – al v…

I temi passano l’esame di maturità

20 Giugno 2024
Gli argomenti proposti ai maturandi sono apparsi di buona qualità e varietà. Si sono evitate le …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI