app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Miss Italia

Miss Italia, quanto piacevi e ci manchi

Miss Italia, insieme al Festival di Sanremo, ha segnato il ritorno al gusto nazionale del vivere liberi e gaudenti. Con un’importante differenza: le canzoni hanno retto ai cambiamenti del costume, mentre le sfilate di bellezza no.
| ,

Miss Italia, quanto piacevi e ci manchi

Miss Italia, insieme al Festival di Sanremo, ha segnato il ritorno al gusto nazionale del vivere liberi e gaudenti. Con un’importante differenza: le canzoni hanno retto ai cambiamenti del costume, mentre le sfilate di bellezza no.
| ,

Miss Italia, quanto piacevi e ci manchi

Miss Italia, insieme al Festival di Sanremo, ha segnato il ritorno al gusto nazionale del vivere liberi e gaudenti. Con un’importante differenza: le canzoni hanno retto ai cambiamenti del costume, mentre le sfilate di bellezza no.
| ,
| ,
Miss Italia, insieme al Festival di Sanremo, ha segnato il ritorno al gusto nazionale del vivere liberi e gaudenti. Con un’importante differenza: le canzoni hanno retto ai cambiamenti del costume, mentre le sfilate di bellezza no.
«Miss, mia cara miss / Nu cuoppo allesse io divento per te / Miss, mia dolce miss / Scaveme a fossa ca io moro per te». Non c’è bisogno di scomodare il genio di Totò per parlare di Miss Italia. Un racconto delle bellezze indigene della Penisola, sgusciato via dopo vent’anni di donne al focolare. Da immagine imposta dal fascismo e dalle sue litanie insopportabili, Miss Italia – insieme alle canzoni del Festival di Sanremo – ha segnato il ritorno al gusto nazionale del vivere liberi e gaudenti. Con una differenza: le canzoni e Sanremo hanno retto ai cambiamenti del costume mentre le sfilate di bellezza non hanno retto al mutamento della vista. La musica è rimasta uno show da prima serata, le donne belle in passerella per diventare Miss Italia invece no. C’entra probabilmente il fatto che oggi la donna non deve essere considerata per la bellezza e basta. C’entrano la stagione del Lgbtq + e un’androginia che è divenuta, comunque la si pensi, gusto popolare. Perciò quella dell’elezione della nuova Miss Italia è ormai una notizia laterale. Lei si chiama Zeudi di Palma, è di Napoli, quartiere Scampia ed è molto bella. Il fatto che le biografie la definiscano «impegnata socialmente» offre già un termometro di come l’Italia sia cambiata rispetto agli anni in cui Sofia Loren veniva eletta Miss eleganza. Al punto da avere nostalgia del canticchiare di Totò: «Miss mia dolce miss / Io voglio il bis e tu lo sai di che». D’un sogno che svanisce, come se ne vanno ogni giorno gli attimi della vita. E della bellezza.   di Aldo Smilzo

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Benigni show, bacia il Papa poi invoca la pace: “La guerra deve finire”

26 Maggio 2024
Show di Roberto Benigni in piazza San Pietro con il Papa per la Giornata mondiale dei bambini tr…

Luis e Flora, storie d’amore d’altri tempi e altro calcio

25 Maggio 2024
Ho scoperto una storia che colpevolmente non conoscevo nei dettagli: quella della meravigliosa f…

I ragazzi italiani che non t’aspetti

24 Maggio 2024
Sono più liberi dei loro genitori, sono la generazione delle app, della tecnologia che rischia d…

La fuga dei prof da Milano e le verità scomode

24 Maggio 2024
Quasi 800 insegnanti di scuole medie e superiori hanno lasciato Milano per tornare nelle loro pr…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI