app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Povero lavoro

In una società ricca quando si affronta il problema dei lavoratori poveri si deve fare molta attenzione a non rimanere prigionieri dei propri pregiudizi. Il rimedio non sta nell’aumentare i salari, perdendo produttività e producendo meno ricchezza, ma nell’aumentare il valore del lavoratore e del lavoro, il che richiede formazione.
|

Povero lavoro

In una società ricca quando si affronta il problema dei lavoratori poveri si deve fare molta attenzione a non rimanere prigionieri dei propri pregiudizi. Il rimedio non sta nell’aumentare i salari, perdendo produttività e producendo meno ricchezza, ma nell’aumentare il valore del lavoratore e del lavoro, il che richiede formazione.
|

Povero lavoro

In una società ricca quando si affronta il problema dei lavoratori poveri si deve fare molta attenzione a non rimanere prigionieri dei propri pregiudizi. Il rimedio non sta nell’aumentare i salari, perdendo produttività e producendo meno ricchezza, ma nell’aumentare il valore del lavoratore e del lavoro, il che richiede formazione.
|
|
In una società ricca quando si affronta il problema dei lavoratori poveri si deve fare molta attenzione a non rimanere prigionieri dei propri pregiudizi. Il rimedio non sta nell’aumentare i salari, perdendo produttività e producendo meno ricchezza, ma nell’aumentare il valore del lavoratore e del lavoro, il che richiede formazione.
Aspettare e sperare può essere ricetta buona per qualsiasi malattia, ma di assai dubbia efficacia. Per rimediare ai malanni la cosa migliore è riconoscere i sintomi, associarli al problema reale e non a quello apparente, quindi provvedere in modo coerente. Quando in una società ricca ci si trova ad affrontare il problema dei lavoratori poveri si deve fare molta attenzione a non rimanere prigionieri dei propri pregiudizi, così approntando rimedi che rispondono a quel che ci appare e non a quel che è, peggiorando le cose. Tanto per capirsi: salario minimo e sussidi servono a nulla, su quel fronte. Molto può essere fatto, conoscendo e ragionando. Il primo indice utile lo fornisce Eurostat, secondo in Ue c’è una media del 9,2% di lavoratori poveri, che guadagnano troppo poco, mentre in Italia si sale all’11,8%. Più di due punti e mezzo sopra la media indicano un problema del nostro mercato del lavoro. Uno studio messo a punto dal Ministero del Lavoro ci avverte che i lavoratori con una retribuzione inferiore al 60% della mediana sono il 25%. Attenzione: la mediana non è la media, ma un indicatore di posizione (senza tornare alle dispense di statistica: la parte alta della curva si chiama “moda”, una cosa ‘di moda’ è una cosa che fanno in tanti, concentrandosi; alla metà della distribuzione raffigurata si trova la mediana; mentre la media calcola i valori e non la distribuzione, da cui il celeberrimo pollo di Trilussa, sicché a tutti ne tocca uno all’anno, ma se non ne hai avuto nessuno è «perché c’è un antro che ne magna due»). Ai valori del 2018, quindi prima della pandemia, un lavoratore su dieci (10%) vive in un nucleo familiare con un reddito inferiore al 60% della mediana. Fine dei numeri, veniamo al dunque. Un approccio ideologico punta alla lotta di classe: sono i padroni che sfruttano i lavoratori e li pagano troppo poco, affamandoli. Un approccio assistenzialista ha la soluzione a portata di mano: redistribuiamo la ricchezza con i bonus e le sovvenzioni, portando la giustizia su questa terra. Gli uni e gli altri sono nati in un mondo talmente ricco da non avere posto loro il problema di produrla, la ricchezza: certo che il fattore lavoro deve essere remunerato secondo il suo valore, ed è per questo che sono fondamentali i sindacati dei lavoratori, che da noi divennero sindacati dei pensionati; certo che la spesa pubblica redistribuisce ricchezza, ma se anziché farlo in servizi lo fa in denaro o sta redistribuendo i soldi degli altri lavoratori, cui tocca pagare le tasse, o sta mangiandosi quel che non ha, generando debito; e qui, per equanimità, si fanno entrambe le cose. Se, invece, si guarda pragmaticamente al fenomeno si scopre che i lavoratori poveri non sono quelli pagati poco, ma quelli che lavorano poco. Serve a nulla fissare un minimo di paga oraria se le ore lavorate, nell’anno, restano poche. Difatti quel fenomeno si concentra nel settore alberghiero e della ristorazione e in quello di “altri servizi”, compresi quelli alle famiglie, dove i ‘padroni’ sono altri lavoratori. Il fattore impoverente è il tempo lavorato. Il rimedio non sta nell’aumentare i salari, perdendo produttività e producendo meno ricchezza, ma nell’aumentare il valore del lavoratore e del lavoro, il che richiede formazione, tanto che molti lavori che richiedono formazione e offrono alta remunerazione restano scoperti. Quella è la via maestra, anche perché – dati raccolti dal Centre for Economics and Business Research – nel 2022 l’Italia resterà all’8° posto mondiale in quanto a produzione di ricchezza (nel 2036 saremo al 16° non perché si decresca, ma perché il mondo, evviva, crescerà più velocemente). E se calcoliamo la ricchezza prodotta e posseduta pro capite siamo enormemente avanti, assieme agli europei e occidentali in generale. Siamo noi il mondo ricco. Competiamo in qualità, per la quale serve istruzione, non in quantità prodotta e sfruttamento. Il guaio è che fra la parte dequalificata occorre metterci un pezzo rilevante della classe politica, per giunta riccamente retribuita. di Davide Giacalone

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

La Ragione e Albatros al Fuorisalone di Milano

19 Aprile 2024
Si è tenuto oggi, nell’oasi di Piazza San Marco (in Brera) a Milano, il secondo appuntamento de …

L’intervista video agli studenti in sciopero della fame dell’Università La Sapienza di Roma

18 Aprile 2024
Continuano le proteste all’Università La Sapienza di Roma: le dichiarazioni dei due studenti, Fr…

“Napoli sarà sepolta sotto 30 metri di cenere”: l’allarme della tv svizzera

17 Aprile 2024
Il canale tv svizzero Rsi ha pubblicato un reportage in cui lo scenario per la città di Napoli s…

A Torino vietato fumare all’aperto a meno di 5 metri dalle altre persone

17 Aprile 2024
A Torino sarà vietato fumare all’aperto a una distanza inferiore ai 5 metri da altre persone, a …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI