app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
scritti esame di maturità

La maturità tra scritto, orale e inutile

Altro che le “lacrime e preghiere” di Antonello Venditti: l’esame di Maturità non fa più paura a nessuno. Serve cambiare il meccanismo perché questa prova torni ad avere senso.   

| ,

La maturità tra scritto, orale e inutile

Altro che le “lacrime e preghiere” di Antonello Venditti: l’esame di Maturità non fa più paura a nessuno. Serve cambiare il meccanismo perché questa prova torni ad avere senso.   

| ,

La maturità tra scritto, orale e inutile

Altro che le “lacrime e preghiere” di Antonello Venditti: l’esame di Maturità non fa più paura a nessuno. Serve cambiare il meccanismo perché questa prova torni ad avere senso.   

| ,
| ,

Altro che le “lacrime e preghiere” di Antonello Venditti: l’esame di Maturità non fa più paura a nessuno. Serve cambiare il meccanismo perché questa prova torni ad avere senso.   

Era lo spauracchio di tutti gli studenti, quello di cui non a caso cantava Antonello Venditti descrivendo le «notti di lacrime e preghiere». L’esame di Maturità però da tempo non è più quel mostro terribile che sembrava a chi le scuole le ha terminate da qualche anno o decennio.

Il tema è tornato al centro del dibattito per la proposta di tornare o meno alle prove scritte, dopo quasi due anni di pandemia. C’è chi spinge fortemente perché quest’anno si reintroduca la prassi che fino all’emergenza Covid affiancava gli scritti alla prova orale. Tra gli altri, lo psichiatra Crepet sottolinea come a suo avviso questo sia necessario perché «i ragazzi devono imparare a soffrire». Ora, sappiamo e abbiamo già più volte scritto come la prova finale della scuola superiore sia diventata quasi una farsa, nel senso che l’esito e la promozione sono praticamente scontati. Andrebbe piuttosto ripensato il meccanismo, se vogliamo tornare a considerare la Maturità uno scoglio e non semplicemente l’ultima tappa di un percorso. Poco cambierebbe reintrodurre lo scritto, tanto nessuno boccia. Certo, sarebbe un modo per obbligare i ragazzi a prepararsi di più e quindi per mettersi alla prova, imparando ad affrontare gli ostacoli. Dover soffrire è però cosa ben diversa. Tra didattica a distanza, mesi chiusi in casa e impossibilità di socializzare di persona, i ragazzi hanno già provato sulla loro pelle il senso di frustrazione, affrontandolo in molti casi meglio degli adulti. Non commettiamo l’errore di sottovalutarli. di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Il governo e i dehors “permanenti”

19 Maggio 2024
Nella stagione del Covid non potevano esserci dubbi sui dehors ma occorreva avere un permesso pe…

Asia, 14 anni, malata di tumore, viene insultata sul web. Mattarella: “Complimenti per la tua forza”

18 Maggio 2024
La ragazza che vedete suonare il pianoforte nel video si chiama Asia, ha 14 anni, è malata di tu…

Con mammà fino a 34 anni, qualche perché in più

16 Maggio 2024
Numeri impressionanti sulla quota di ragazzi fra i 18 e i 34 anni che in Italia vivono ancora co…

Il fenomeno delle stay-at-home girlfriend

14 Maggio 2024
Sveglia non prima delle 9 del mattino, colazione dietetica, accurata routine di bellezza e tanto…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI