app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Trovare toghe al posto dei camici

Ci sono voluti due anni perché dalla circolare del Ministero della Salute sparissero le parole “paracetamolo” e “vigile attesa” per indicare ai medici il percorso per una prima fase di cure del Covid a casa.
|

Trovare toghe al posto dei camici

Ci sono voluti due anni perché dalla circolare del Ministero della Salute sparissero le parole “paracetamolo” e “vigile attesa” per indicare ai medici il percorso per una prima fase di cure del Covid a casa.
|

Trovare toghe al posto dei camici

Ci sono voluti due anni perché dalla circolare del Ministero della Salute sparissero le parole “paracetamolo” e “vigile attesa” per indicare ai medici il percorso per una prima fase di cure del Covid a casa.
|
|
Ci sono voluti due anni perché dalla circolare del Ministero della Salute sparissero le parole “paracetamolo” e “vigile attesa” per indicare ai medici il percorso per una prima fase di cure del Covid a casa.
Che quel protocollo non venisse più seguito è una certezza, eppure rimaneva nero su bianco. Ci sono voluti quasi due anni perché dalla circolare del Ministero della Salute sparissero le parole “paracetamolo” e “vigile attesa” per indicare ai medici il percorso per una prima fase di cure del Covid a casa. Soprattutto è stato il Tar – con un atto quindi di giustizia amministrativa e accogliendo il ricorso del Comitato Cura domiciliare Covid-19 – di fatto a stabilire come non curare. Perché la circolare è un atto amministrativo e come tale è stata trattata. Peccato che la materia sia tutta medica. Ed è ulteriormente imbarazzante che quello sulla “vigile attesa” fosse un protocollo teoricamente ancora in vigore. Nonostante ogni tipo di evidenza abbia già chiaramente dimostrato che col Covid non ci sia nulla da aspettare. Nonostante chi a casa ci è morto, durante la prima ondata della pandemia. Allora tante cose non si sapevano ma oggi sì. E se è certo che praticamente nessun medico seguisse più quelle indicazioni, che il Ministero le prevedesse ancora è assurdo. Che ci volesse un ricorso per far sparire quel protocollo, anche. Che sia il Tar a metterlo nero su bianco, pure. Perché ovviamente qui si parla e si parlava della salute delle persone, cosa su cui un Tribunale amministrativo non ha certo la preparazione per pronunciarsi. L’ha fatto, altrimenti nelle indicazioni sulle terapie precoci per il Covid ancora ci sarebbe scritto di prendere una Tachipirina e aspettare per vedere come si evolve la situazione.   di Annalisa Grandi

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

I ragazzi italiani che non t’aspetti

24 Maggio 2024
Sono più liberi dei loro genitori, sono la generazione delle app, della tecnologia che rischia d…

La fuga dei prof da Milano e le verità scomode

24 Maggio 2024
Quasi 800 insegnanti di scuole medie e superiori hanno lasciato Milano per tornare nelle loro pr…

32 anni fa la strage di Capaci, Mattarella: “mafia sempre in agguato, destinata a finire”

23 Maggio 2024
Era il 12 maggio del 1992 quando il giudice Falcone ricevette il pizzino con cui (con molta prob…

“Sindrome Italia”: ammalarsi aiutando i fragili

20 Maggio 2024
Ogni anno sono più di 200 le badanti ricoverate perché affette dalla “Sindrome Italia” e non è u…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI