app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Farmaceutica, Reina (J&J): “Puntiamo su competenze tecnologiche e parità di genere”

26 Marzo 2024

Roma, 26 mar. (Adnkronos Salute) – “Digitalizzazione e nuove tecnologie stanno influenzando il modo in cui guardiamo i candidati e per questo ci rivolgiamo anche a settori molto diversi dal passato oltre quello medicale. Inoltre, ci sono oggi richieste anche delle competenze sempre più specializzate dovute al bisogno di cogliere le opportunità offerte dalle nuove tecnologie e dalla robotica nell’ambito della salute”. Ma sono importanti anche “soft skill legate all’agilità mentale, al problem solving”. Inoltre, “abbiamo a mente che per attrarre le nuove generazioni è importante guardare anche ai bisogni dei candidati, come per esempio il lavoro agile, i programmi di work-life balance: cose che in J&J sono già parte integrante della nostra realtà”. Lo ha detto all’Adnkronos Salute Tiziana Reina, direttore HR J&J MedTech Italia and One HR IGI, oggi all’Università La Sapienza di Roma in occasione dell’evento promosso dalla Fondazione J&J a chiusura della seconda edizione del progetto Health4U, Stem University Johnson & Johnson Bootcamp.

“Sicuramente – osserva Reina – esiste ancora un gap nei profili Stem”, cioè delle materie scientifiche (science, technology, engineering, mathematics), “ma nell’ultimo periodo vediamo che questo gap si sta andando a colmare. Nello specifico, in J&J MedTech ci sono soprattutto alcune divisioni dove questi profili, soprattutto gli ingegneri biotecnologici, per esempio, sono molto ricercati e dove vedo un incremento costante di donne che ci seguono e quindi si uniscono a noi in J&J”. Come azienda, per facilitare l’equilibrio tra i generi “lavoriamo su programmi di sensibilizzazione interna che possano valorizzare e creare anche dei percorsi di carriera accelerati per profili Stem sia maschili che femminili – sottolinea Reina – In J&J siamo da sempre impegnati anche per l’inclusione e la valorizzazione delle diversità. Per esempio, siamo molto orgogliosi di aver ottenuto di recente la certificazione per la parità di genere che sancisce ulteriormente l’impegno di J&J MedTech Italia nei confronti delle donne, della loro accelerazione di carriera e di questo balance”.

Tornando sui profili più ricercati, il capo delle risorse umane di J&J MedTech chiarisce: “Bisogna lavorare tanto su figure che conoscano e sappiano operare bene con i dati, quindi tutta la parte dell’artificial intelligence, data science, questo diventa fondamentale. Poi, è sempre più importante per noi l’attenzione al paziente, quindi tutti quei profili che lavorano sulla centralità del paziente sono fondamentali”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Enogastronomia, Cibus, anteprima migliori vini italiani con mozzarella di bufala campana Dop

23 Aprile 2024
Parma, 23 apr. (Labitalia) – Al Cibus di Parma, dal 7 al 10 maggio, il Consorzio di tutela chiude…

Formazione, Fondirigenti: 10 milioni di euro per piani su competenze digitali per competitività impresa

23 Aprile 2024
Roma, 23 apr. (Adnkronos/Labitalia) – E’ dedicato all’innovazione digitale il primo Avviso nazion…

Andrea Pietrini: da manager licenziato a imprenditore di successo

23 Aprile 2024
(Adnkronos) – Quando perdere il lavoro può diventare un’opportunità. Tra le soluzioni innovative …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI