app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Telepass, studio: “Con telepedaggio nel 2023 sono state risparmiate oltre 72.000 tonnellate di CO2”

6 Giugno 2024

Roma, 6 giu. -(Adnkronos) – Nel 2023, anno in cui il traffico è tornato ai livelli pre-pandemia registrando un aumento generale della circolazione sulle autostrade italiane, sono state risparmiate oltre 72mila tonnellate di CO2 grazie alsistema di pagamento del telepedaggio di Telepass. “Un dato positivo che – si segnala dal gruppo – segna un aumento del risparmio degli inquinanti emessi rispetto alle oltre 61mila tonnellate registrate nel 2022 e che per le persone e il territorio si è tradotto in benefici ambientali”. Lo rivela lo “Studio sulle emissioni inquinanti evitate con il telepedaggio nell’anno 2023. Il fattore Telepass nella smart mobility” condotto dal Sustainability Lab dell’Università Ca’ Foscari Venezia, in collaborazione con l’azienda, volto a quantificare la riduzione di emissioni inquinanti grazie al sistema Telepass per il pagamento del telepedaggio. Questa soluzione, infatti, permette ai veicoli di inquinare meno, in quanto vengono evitati gli “stop and go” per il ritiro e per il pagamento del biglietto autostradale.

Guidata dai professori Raffaele Pesenti e Giovanni Vaia del Dipartimento di Management – Venice School of Management dell’Università Ca’ Foscari Venezia, la ricerca ha calcolato la riduzione di emissioni di inquinanti grazie all’utilizzo del dispositivo Telepass per il pagamento del telepedaggio su tutte le tratte autostradali nazionali in gestione alle diverse concessionarie. Nel 2023 sono stati oltre 435 milioni i chilometri percorsi sulla rete autostradale italiana – con una media di transiti giornalieri di 2,7 milioni di veicoli, di cui oltre 300.000 mezzi pesanti, e una stima complessiva sull’intero anno pari a circa 998 milioni di veicoli per la sola classe A – da mezzi dotati del dispositivo Telepass. L’analisi ha considerato la stima e il numero di veicoli (come categoria, alimentazione, fascia di cilindrata/peso/uso, classe di inquinamento e di pedaggio), tempi di permanenza code, emissioni nell’unità di tempo, emissioni nell’unità di spazio percorso.

Il team accademico ha applicato l’algoritmo appositamente sviluppato e ha evidenziato la riduzione di emissioni inquinanti grazie all’uso del sistema di pagamento del telepedaggio Telepass e ha rilevato un calo di emissioni inquinanti di 278,7 tonnellate di monossido di carbonio, di 72.291,8 tonnellate di anidride carbonica, di 1,8 tonnellate di protossido di azoto, di 99,1 tonnellate di ammoniaca, di 153,3 tonnellate di ossidi di azoto, di 39,7 tonnellate di composti organici volatili e di 4,1 tonnellate di polveri sottili.

Peraltro l’impatto positivo dell’uso delle soluzioni di pagamento del pedaggio, come Telepass, diventa quasi esponenziale per i mezzi pesanti. Infatti, nel caso di ossidi di azoto, che si producono come sottoprodotti durante una combustione, la riduzione è tre volte superiore ai veicoli di classe A, come per il materiale particolato emesso dallo scarico o del metano.

Traducendo il dato relativo alla CO2 in termini di viaggi, nel 2023, sono stati risparmiati l’equivalente di oltre 758.000 viaggi in auto da Roma a Milano (+116.000 vs 2022) oppure 10.845 viaggi intorno alla Terra (+1.655 vs 2022) o anche 1.131 viaggi Terra-Luna (+173 vs 2022). Facendo un confronto con il 2022, che ha visto 367 milioni di km percorsi sulle tratte autostradali italiane e circa 2,4 milioni di transiti su base media giornaliera, nel 2023 si è registrato un risparmio in termini di emissioni inquinanti superiore di circa il 18% con l’anno precedente, più che proporzionale rispetto all’aumento del traffico.

Il telepedaggio, introdotto nel nostro Paese da Telepass nel 1990, oltre a poter essere considerato come uno dei primi esempi di smart mobility, grazie alla maggiore ottimizzazione dei flussi di traffico, rappresenta al contempo una soluzione virtuosa per l’ambiente, come evidenziato nello studio, in termini di conservazione a lungo termine della natura e della biodiversità e riduzione dell’impronta di carbonio del settore dei trasporti.

La strategia di riduzione delle emissioni inquinanti grazie all’utilizzo del dispositivo Telepass per il pagamento elettronico del pedaggio rientra nell’impegno più ampio assunto dal Gruppo per contrastare il cambiamento climatico. Attraverso obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale a breve, medio e lungo termine, Telepass, che aderisce a UN Global Compact, si pone come abilitatore di una transizione verso una mobilità sempre più integrata e sostenibile, in ambito urbano ed extraurbano. Accanto al “tradizionale” servizio di telepedaggio, infatti, il Gruppo Telepass ha aggiunto nel tempo 30 servizi addizionali collegati ai nuovi stili di mobilità, partecipando in modo attivo a promuovere una mobilità sostenibile, dal risparmio di CO2 ottenuto evitando soste e code ai caselli, fino ai più recenti servizi integrati nell’ecosistema digitale che puntano a offrire opzioni di mobilità dolce e a favorire l’intermodalità nei contesti urbani.

“Questo studio dimostra come la sostenibilità e lo sviluppo economico di un territorio emergono da pratiche strategiche, operative e gestionali incentrate sulla riduzione dell’impatto ambientale, attraverso l’innovazione nell’intera catena di produzione dei servizi, coniugando due aspetti: ecologico ed economico” ha dichiarato Giovanni Vaia, docente e ricercatore dell’Università Ca’ Foscari Venezia.

“Lo studio dell’Università Cà Foscari Venezia segna un traguardo importante perché è la dimostrazione scientifica di un impatto ambientale che si riduce grazie all’intuizione trentennale di Telepass e alla lungimiranza di tutte le concessionarie del nostro Paese” ha dichiarato Francesco Maria Cenci, Head of Italy & Eu Tolling di Telepass. “La mobilità è legata in maniera intrinseca alla sostenibilità e Telepass, in questi anni, ha avuto un ruolo molto rilevante non solo nel far risparmiare tempo al casello, offrendo fin dalla sua nascita un servizio che facilita la mobilità in autostrada a oltre 7 milioni di italiani, ma anche nel ridurre le emissioni inquinanti, contribuendo così a proteggere la salute delle persone e a salvaguardare l’ambiente” ha concluso Cenci.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Mille Miglia 2024, Vesco e Salvinelli campioni per la quarta vola consecutiva

15 Giugno 2024
Brescia, 15 giu. – (Adnkronos) – Andrea Vesco e Fabio Salvinelli ancora vincitori alla 1000 Migli…

Mille miglia, oggi l’ultima tappa

15 Giugno 2024
Roma, 15 giu. – (Adnkronos) – Dopo quasi 2000 chilometri percorsi si è ormai giunti alla pagina c…

Roma pride: Gasparri, ‘una medaglia essere insultato da allievi dottor Mengele’

15 Giugno 2024
Roma, 15 giu. (Adnkronos) – “Apprendo che durante la manifestazione degli omosessuali a Roma, Gio…

Torino pride: Gribaudo, ‘boccata ossigeno dopo settimana orribile’

15 Giugno 2024
Roma, 15 giu. (Adnkronos) – “Dopo una settimana orribile in cui, ancora una volta, le destre hann…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI