app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Andrologi: paternità ritardata dopo i 45 anni dannosa per i figli

18 Marzo 2024

Roma, 18 mar. (Adnkronos Salute) – Gli uomini che ritardano la paternità, soprattutto dopo i 45 anni, non solo devono affrontare problemi di fertilità ma possono mettere a rischio anche la salute dei figli. A mettere in guardia i futuri padri sono gli esperti della Società italiana di andrologia (Sia) che ricordano l’importanza di anticipare la paternità e, dove non possibile, di preservare la fertilità fin da giovani, soprattutto attraverso un sano stile di vita.

“Mentre si sa che per le donne dopo i 35 anni possono esserci cambiamenti fisiologici che influiscono sul concepimento, gravidanza e salute del bambino – spiega Tommaso Cai direttore dell’Unità operativa di urologia dell’ospedale di Trento e segretario della Sia – la maggior parte degli uomini invece non è consapevole dell’impatto dell’età dovuto non solo al calo naturale del testosterone, ma anche alla perdita di ‘forma fisica’ degli spermatozoi che può portare anche a cambiamenti nello sperma che vengono trasmessi da genitori a figli nel loro Dna. È ben documentato che concepire in età avanzata comporta il rischio che il bambino nasca o sviluppi nel tempo problemi di salute”.

Secondo uno studio pubblicato su Nature, ogni anno in più del padre comporterebbe un incremento di 1,51 nuove mutazioni genetiche nei figli, il 25% in più rispetto a quelle che dipendono dalla madre. Un altro studio, pubblicato sempre su Nature, suggerisce che i figli di padri anziani hanno un rischio più alto di autismo e schizofrenia nei figli.

“In definitiva, così come la fertilità femminile – conclude Alessandro Palmieri, presidente Sia e docente di Urologia alla Università Federico II di Napoli – anche quella maschile, è tempo-dipendente. È dunque fondamentale sfatare il mito dell’uomo fertile a tutte le età e promuovere invece strategie di informazione, prevenzione e preservazione della fertilità maschile, cominciando dalla giovane età, poiché una volta instaurati i danni non sono reversibili”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Anemia emolitica autoimmune, un diario con storie pazienti e caregiver

18 Aprile 2024
Roma, 18 apr. (Adnkronos Salute) – In Europa, negli Stati Uniti e in Giappone colpisce 12.000 per…

Anaao, ‘con autonomia differenziata rischio disgregazione sociale’

18 Aprile 2024
Roma, 18 apr. (Adnkronos Salute) – “Rischiamo la disgregazione sociale”. E’ l’allarme, in merito …

Tumori, digiuno sì o no? Berrino, ‘oggi mangiamo troppo, cambiare rotta’

18 Aprile 2024
Milano, 18 apr. (Adnkronos Salute) – “Oggi noi mangiamo assolutamente troppo, mangiamo esageratam…

Società scientifiche, ’12 Regioni non rispettano Lea, autonomia impensabile’

18 Aprile 2024
Milano, 18 apr. (Adnkronos Salute) – In Italia “12 Regioni su 21 non garantiscono neppure la mini…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI