app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Aviaria, epidemia in bovini Usa ‘da fine 2023 e più estesa di quanto si pensi’

26 Aprile 2024

Milano, 26 apr. (Adnkronos Salute) – L’epidemia di virus dell’influenza aviaria H5N1 ad alta patogenicità in corso tra le mucche da latte negli Stati Uniti sarebbe cominciata già alla fine dell’anno scorso, quindi diversi mesi in anticipo rispetto al primo caso confermato dalle autorità sanitarie a fine marzo 2024, e probabilmente è più estesa di quanto si pensi. Lo sottolinea un’analisi di Eric Topol, vice presidente esecutivo Scripps Research, fondatore e direttore Scripps Research Translational Institute, sui risultati del vertice a porte chiuse organizzato nei giorni scorsi dal Dipartimento dell’Agricoltura (Usda), dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) e dalla Food and Drug Administration (Fda) per fare il punto sull’emergenza aviaria nei bovini.

Casi di infezione sono stati registrati finora in 8 stati Usa, ricorda Topol. Ma il recente report della Fda sulla positività al virus di diversi campioni di latte pastorizzato in commercio, evidenzia lo scienziato, supporta “fortemente” l’ipotesi che la diffusione dell’infezione negli allevamenti “sia molto più ampia” e vada “oltre questi 8 stati”. Per Topol è “importante evidenziare che il test Pcr” utilizzato nelle analisi sul latte cerca “frammenti di virus, non il virus vivo” la cui presenza nell’alimento sarebbe “improbabile dopo la pastorizzazione”. Per valutare la presenza di virus vivo la Fda dovrà effettuare altri esami di tipo colturale, ma quelli condotti finora – seppur “limitati” – sono “ad oggi tutti negativi per qualsiasi virus vivo nel latte”.

Un altro dato rimarcato dallo scienziato americano riguarda l’esito del “grande lavoro” fatto dal biologo evoluzionista dell’Arizona Michael Worobey, che “eroicamente ha analizzato le 239 sequenze H5N1 rilasciate per la prima volta domenica notte”, concludendo che l’epidemia deriva probabilmente da “un unico inizio della trasmissione virale dagli uccelli alle mucche. L’Usda ha dichiarato” inoltre “di ritenere che l’epidemia tra i bovini da latte negli Stati Uniti sia cominciata alla fine del 2023, inizialmente in Texas”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Marinari (Humanitas): “Contro obesità arma più efficace ma farmaci aiutano”

23 Maggio 2024
Roma, 23 mag. (Adnkronos Salute) – “I nuovi farmaci per la terapia del sovrappeso e dell’obesità,…

Navarra (Sicob): “Contro obesità garantisce maggior perdita peso nel tempo”

23 Maggio 2024
Roma, 23 mag. (Adnkronos Salute) – “L’obesità è una malattia cronica, progressiva e recidivante c…

Aviaria: negli Usa secondo caso umano da epidemia di H5N1 nei bovini

23 Maggio 2024
Milano, 23 mag. (Adnkronos Salute) – Gli Usa segnalano il secondo caso umano di influenza aviaria…

Allarme dermatologi per abuso creme antibiotiche, oltre 278 mln dosi l’anno

23 Maggio 2024
Roma, 23 mag. (Adnkronos Salute) – Gli italiani abusano di creme antibiotiche. Secondo l’ultimo r…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI