app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Covid, 62enne vaccinato 217 volte, il caso finisce su Lancet

6 Marzo 2024

Milano, 6 mar. (Adnkronos Salute) – E’ un uomo di 62 anni di Magdeburgo, Germania. Segni particolari: si è vaccinato contro il Covid per ben 217 volte nell’arco di 29 mesi, quasi 2 anni e mezzo, e lo ha fatto “deliberatamente”, per ragioni di carattere privato. Questa ‘ipervaccinazione’ contro Sars-CoV-2 “è avvenuta contro le raccomandazioni nazionali sulle vaccinazioni” e “al di fuori del contesto di uno studio clinico”. Il suo caso però è finito sotto la lente della scienza, guadagnandosi le pagine di ‘The Lancet Infectious Diseases’. “Una situazione unica”, spiegano i ricercatori che lo hanno illustrato come case report, per poter approfondire in condizioni rare ed estreme come questa l’impatto di vaccinazioni ripetute in termini di benefici, limiti e rischi, ad oggi ancora “poco compresi”.

Prima di tutto, in realtà, la storia dell’uomo è stata esaminata in ambito giudiziario. Le prove di 130 vaccinazioni in un periodo di 9 mesi sono state raccolte dal pubblico ministero di Magdeburgo, che ha aperto un’indagine su questo caso con l’ipotesi di frode, ma non sono state formulate accuse penali. I ricercatori spiegano poi che 108 vaccinazioni sono state registrate individualmente e in parte si sovrappongono al totale delle 130 vaccinazioni confermate dal pubblico ministero.

Per indagare sulle conseguenze immunologiche dell’ipervaccinazione, gli esperti hanno presentato la loro proposta di studio all’uomo tramite il pubblico ministero. Il 62enne ha quindi acconsentito attivamente e volontariamente a fornire informazioni mediche e a donare sangue e saliva. La procedura è stata approvata dal Comitato etico locale dell’ospedale universitario di Erlangen. I ricercatori che si sono occupati dello studio riportano che l’uomo non ha segnalato alcun effetto collaterale correlato alla vaccinazione. E da novembre 2019 a ottobre 2023, i controlli su 62 parametri di routine non hanno mostrato anomalie attribuibili all’ipervaccinazione. Inoltre, l’uomo non presentava segni di una pregressa infezione da Sars-CoV-2, come indicato da test antigenici ripetutamente negativi, Pcr e altri esami.

Per il 62enne ipervaccinato sono stati poi quantificati i livelli di anticorpi IgG per la proteina Spike di Sars-CoV-2, (operazione condotta a Brema ed Erlangen), a partire dalle misurazioni prima della 214esima vaccinazione. Una coorte di riferimento di 29 vaccinati (55% donne, 45% uomini) con uno schema a 3 dosi di vaccini a mRna è stata usata come gruppo di controllo, come confronto. Ed è emerso per esempio che l’uomo nella saliva presentava IgG anti-Spike rilevabili, a differenza dei partecipanti di controllo. La capacità di neutralizzazione del siero dell’ipervaccinato era 5,4 volte e 11,5 volte superiore rispetto ai vaccinati del gruppo di controllo, rispettivamente per le proteine ​​​​del virus originario ‘wildtype’ e della versione Omicron B1.1.529. Ciò riflette quantità più elevate di IgG specifiche per la proteina Spike.

In sintesi, lo studio conclude che “l’ipervaccinazione anti Sars-CoV-2 non ha portato a eventi avversi e ha aumentato la quantità di anticorpi e cellule T specifici per la Spike senza avere un forte effetto positivo o negativo sulla qualità intrinseca delle risposte immunitarie adattative”. Sebbene, aggiungono i ricercatori, “fino ad oggi non abbiamo riscontrato segni di infezioni ‘breakthrough’ (che bucano la vaccinazione, ndr) da Sars-CoV-2 nell’uomo, non è possibile chiarire se ciò sia causalmente correlato al regime di ipervaccinazione”. “E’ importante sottolineare – concludono gli esperti – che non sosteniamo l’ipervaccinazione come strategia per migliorare l’immunità adattativa”.

Anche l’infettivologo Matteo Bassetti commenta via X lo studio: “Un uomo di 62 anni è stato vaccinato 217 volte contro il Covid-19, senza riscontrare alcun effetto collaterale. Questa è la medicina dell’evidenza – puntualizza il direttore della Clinica di malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova – Preferite l’evidenza della scienza pubblicata sulle riviste più prestigiose del mondo o la fuffa, le correlazioni impossibili e la ciarlataneria dei no-vax?”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Fratelli con diabete di tipo 1 alla nascita e mutazione unica: il caso allo studio

21 Aprile 2024
Milano, 21 apr. (Adnkronos Salute) – Per gli scienziati, il loro è un caso speciale: due fratelli…

Made in Italy, diagnostica per immagini: al via l’attività di Bracco Japan

19 Aprile 2024
Roma, 19 apr. (Adnkronos) – Il Gruppo Bracco, leader mondiale nella diagnostica per immagini, da …

Donne sottorappresentate negli studi clinici, l’infettivologa: “Con Hiv, più fragili”

19 Aprile 2024
Roma, 19 apr. (Adnkronos Salute) – Le donne sono sottorappresentate in tutti gli studi clinici. N…

Medicina, sindrome intestino irritabile e sistema cardiovascolare sono legati

19 Aprile 2024
Roma, 19 apr. (Adnkronos Salute) – Alcuni dei meccanismi biologici che causano la sindrome dell’i…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI