app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Da traumi a ictus, luci e ombre per risposte Regioni a cittadini

25 Marzo 2024

Roma, 25 mar. (Adnkronos Salute) – Come rispondono le Regioni alle richieste dei cittadini rispetto a eventi come ictus, traumi, infarti ed emergenze-urgenze (pronto soccorso) che devono essere gestiti in maniera efficace e in tempi brevi? A questa domanda ha risposto la terza indagine nazionale sullo stato di attuazione delle reti tempo-dipendenti dell’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), presentata oggi a Roma. Un’indagine condotta nel 2023, analizzando i risultati del monitoraggio rispetto all’anno 2022.

Il primo dato riguarda la rete cardiologia per l’emergenza, che “soffre in quelle zone più interne e meno servite dove la tempistica dei 90 minuti per la Ptca (angioplastica coronarica) e la relativa ricaduta in termini di mortalità sono più rilevanti: criticità” emergono “per Calabria e Abruzzo”, ha spiegato la responsabile del report Manuela Tamburo De Bella, responsabile Uos Reti cliniche e monitoraggio Dm 70/2015 dell’Agenas. Per la rete ictus, “ci sono variazioni significative tra le varie Regioni e al loro interno, con criticità soprattutto in Sardegna e Abruzzo”. Per la rete trauma, “Campania, Emilia Romagna e Sardegna possono fare di più”, ha precisato Tamburo De Bella. Per la rete emergenza-urgenza, “Valle d’Aosta e Campania presentano un vulnus”.

Nella Terza indagine nazionale sullo stato di attuazione delle reti tempo – dipendenti, l’Agenas individua anche alcuni approfondimenti da fare sulle reti. Rete cardiologica dell’emergenza: “approfondire e diffondere l’utilizzo di indicatori di percorso clinico; implementare l’indicatore (Ldl) per ottimizzare la terapia alla dimissione e la valutazione multidimenzionale del paziente ad alto rischio residuo; implementare l’avvio a programmi riabilitativi utilizzando percorsi definiti all’interno delle strutture del Dm 77”, si legge nell’indagine.

Per per la rete ictus, “individuare indicatori di processo e ‘outcome’ delle fasi di transizione per disegnare azioni di miglioramento e mettere in atto strategie di presa in carico dei soggetti con ictus, incentrate sui bisogni e caratteristiche individuali (personalizzazione delle cure), – sottolinea il documento – modello che può trovare il giusto percorso nell’assetto territoriale definito dal Dm 77 del 2022; traduzione delle evidenze cliniche (‘evidence based medicine’) in modelli organizzativi innovativi, flessibili e sostenibili per valorizzare le competenze del singolo operatore in un team multiprofessionale in una ottica di rete diffusa”.

I “futuri utili approfondimenti per la rete trauma: identificare indicatori più specifici e superare le problematiche legate alle fonti dei dati e alle codifiche. Verifica e ottimizzazione dei flussi di dati (l’inadeguatezza/incompletezza del flusso Emur; inserimento della Sepsi nelle reti tempo dipendenti (alla luce della letteratura scientifica e dei dati di mortalità); standard organizzativi e tecnologici (con particolare riferimento agli organici in rapporto alla nuova complessità) – conclude il report – reclutamento del personale (il tema di come valorizzare i professionisti, aumentare l’attrattività) e formazione (specializzandi, non specialisti)”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Pancreas, scoperta impronta digitale molecolare delle lesioni che annunciano tumori

12 Aprile 2024
Roma, 12 apr. (Adnkronos Salute) – Scoperta l’impronta digitale molecolare delle lesioni pre-tumo…

Sale l’allerta aviaria in Usa, appello a New York: “Non toccate i volatili”

12 Aprile 2024
Roma, 12 apr. (Adnkronos Salute) – Sale l’allerta per l’influenza aviaria negli Stati Uniti. Dopo…

Covid Italia, dati ultima settimana: Rt torna sopra soglia epidemica

12 Aprile 2024
Roma, 12 apr. (Adnkronos Salute) – Restano stabili i casi e i ricoveri Covid in Italia, ma torna …

Pancreas, scoperta impronta digitale molecolare delle lesioni che annunciano tumori

12 Aprile 2024
Roma, 12 apr. (Adnkronos Salute) – Scoperta l’impronta digitale molecolare delle lesioni pre-tumo…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI