app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Dl anti-liste d’attesa, visite ed esami anche il sabato e la domenica

24 Maggio 2024

Roma, 24 mag. (Adnkronos Salute) – Visite diagnostiche e specialistiche possibili anche di sabato e domenica, con l’estensione della fascia oraria per l’erogazione di queste prestazioni. Sistema unico di prenotazione regionale o infra-regionale, con le strutture private accreditate ospedaliere e ambulatoriali che dovranno afferire al Centro unico di prenotazione (Cup), pena la nullità degli accordi contrattuali per l’accreditamento con il Ssn. Un sistema di ‘Recall’, attivato dal Cup, per ricordare all’assistito la data di erogazione della prestazione, per richiedere la conferma o per la cancellazione delle prenotazioni: in caso di mancata presentazione e visita non annullata, l’assistito può essere tenuto a pagare lo stesso. Questa alcune delle misure previste dalla bozza del decreto legge del ministro della Salute Orazio Schillaci per la riduzione delle liste di attesa, circa 25 articoli, atteso in Consiglio dei ministri il 3 giugno.

Questa, in sintesi, l’architetttura del provvedimento. “Per implementare l’efficacia del coordinamento di livello nazionale per la riduzione e il superamento delle liste di attesa, con particolare riguardo alla risoluzione delle diseguaglianze regionali e del fenomeno della mobilità attiva e passiva – si sottolinea nella bozza del decreto visionato dall’Adnkronos Salute – presso il ministero della Salute è istituito il ‘Sistema nazionale di governo delle liste di attesa’ (Singla), “quale insieme delle strutture, degli strumenti e delle competenze” necessarie. Sarà governato da una Cabina di Regia, istituita sempre presso il ministero della Salute e presieduta dallo stesso ministro, che “sovraintende all’elaborazione del Piano nazionale di governo delle liste di attesa e vigila sull’attuazione delle misure” stabilite dal Dl.

Con il Piano nazionale di governo delle liste di attesa, il ministero della Salute definisce apposite Linee di indirizzo rivolte alle regioni e alle Province autonome di Trento e di Bolzano, “dirette all’allineamento della domanda di assistenza sanitaria, definendo standard nazionali di natura organizzativa, tecnologica e infrastrutturale, rilevanti anche per la revisione e l’aggiornamento degli standard assistenziali relativi all’assistenza ospedaliera e territoriale”. Sarà l’Agenas ad effettuare il monitoraggio nazionale sul rispetto dei tempi massimi di attesa per classi di priorità delle prestazioni prenotate in regime istituzionale e in regime di libera professione intramoenia.

E sempre all’Agenas è istituita la Piattaforma nazionale delle liste di attesa “finalizzata a realizzare l’interoperabilità con le piattaforme per le liste di attesa relative a ciascuna regione e provincia autonoma”. Infine, è istituito nel sito internet istituzionale del ministero della Salute il registro delle segnalazioni per il mancato rispetto dei diritti dei cittadini.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Fumo, ‘snus’ orgoglio svedese che ha fatto calare consumo sigarette ma resta fuori dall’Ue

25 Giugno 2024
Roma, 25 giu. (Adnkronos Salute) – Caterina de’ Medici usava la nicotina, all’epoca si pensava ch…

Psicoanalista: “Caldo in anziani può provocare stress, depressione e disturbi del sonno”

25 Giugno 2024
Roma, 25 giu. (Adnkronos Salute) – I cambiamenti climatici “influiscono negativamente sulla salut…

Sanità, al San Raffaele Milano nuovo centro di eccellenza contro l’obesità

24 Giugno 2024
Milano, 24 giu. (Adnkronos Salute) – All’Irccs ospedale San Raffaele di Milano nasce il Centro di…

Droga: Iss, 950 nuove sostanze monitorate nel 2023 in Europa, 26 mai segnalate prima

24 Giugno 2024
Milano, 24 giu. (Adnkronos Salute) – Sono oltre 950 le nuove sostanze psicoattive monitorate nel …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI