app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Salute, dermatologa Osti: “Regole aggiornate per fare informazione anche sui social”

5 Giugno 2024

Roma, 4 giu. (Adnkronos Salute) – “Sempre più dati ci dicono che la stragrande maggioranza della popolazione cerca informazioni mediche attraverso i motori di ricerca e attraverso i social network. E’ importante che le informazioni mediche vengano date da chi ha competenza e autorevolezza, ossia il medico” che però, “al momento, deve sottostare a tutta una serie di regole, riportate nel codice deontologico, che valgono sia in ambulatorio che in qualsiasi modalità di comunicazione. Queste linee guida sono assolutamente importanti e vanno mantenute, ma il nostro essere medici moderni ci impone anche di migliorare, allargare il nostro tipo di comunicazione” e quindi spostare “un pochino più in là” alcuni paletti, “sempre mantenendo la correttezza deontologica e il rispetto della privacy dei nostri pazienti. Abbiamo iniziato così un percorso per creare delle linee guida, insieme ad Aida, per regolamentare questo nuovo modello di comunicazione che fa assolutamente parte della quotidianità di tutti i dermatologi, sia all’interno che al di fuori dell’ambulatorio”. Lo ha detto Federica Osti, dermatologa e nei social @latuadermatologa, partecipando al Simposio ‘Codice deontologico e social media’, nel corso del congresso nazionale dell’Associazione italiana dermatologi ambulatoriali (Aida) che si è tenuto a Riccione.

Oggi “una trentina di dermatologici italiani” è sui social, sottolinea, e “tutti insieme ci stiamo impegnando per creare delle linee guida insieme ad Aida, per cercare di regolamentare questo nuovo modello di comunicazione che fa assolutamente parte della quotidianità di tutti i dermatologi sia all’interno che al di fuori dell’ambulatorio. Cercheremo di stilare tutta una serie di norme molto pratiche, come è nostra abitudine, per dare indicazione anche a tutti i nuovi dermatologi che vogliono iniziare questo modello di comunicazione”, ma soprattutto “per dare sicurezza e comfort alle persone che ci seguono, in maniera che le informazioni di cui stanno fruendo siano informazioni serie, di cui appunto – conclude – si possono fidare”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Salute, dermatologo Paro Vidolin: “Social utile per informazione a giovani e anziani”

13 Giugno 2024
Roma, 13 giu. (Adnkronos Salute) – “L’utilizzo dei canali social per la divulgazione medica e sci…

‘Proteine nella dieta mediterranea’, un libro per favorirne l’adesione

13 Giugno 2024
Roma, 13 giu. (Adnkronos Salute) – È avvalorata tra i migliori regimi alimentari perché costituis…

Morelli (Fondazione Danone): “Le proteine sono i mattoni dell’organismo”

13 Giugno 2024
Roma, 13 giu. (Adnkronos Salute) – “Quando parliamo di nutrizione parliamo di grassi, carboidrati…

Ronzulli: “Dieta mediterranea patrimonio da difendere da attacchi Ue”

13 Giugno 2024
Roma, 13 giu. (Adnkronos Salute) – “Numerose ricerche scientifiche confermano benefici della diet…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI