app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

Sondaggio Nursind-Swg, 1 italiano su 2 boccia operato Governo

Gennaio 9, 2024

Roma, 9 gen. (Adnkronos Salute) – Un italiano su due boccia il Governo Meloni sulla sanità che “non ha migliorato le prestazioni e, soprattutto, non ha valorizzato né medici e né infermieri”. E’ quanto emerge da un’indagine commissionata all’istituto di ricerche Swg dal sindacato degli infermieri Nursind, condotto su un campione composto da 800 cittadini. “Mentre nella conferenza stampa di fine anno della premier Giorgia Meloni non è stato riservato spazio e tempo alla sanità, tra i cittadini cresce l’apprensione per le sorti del nostro Servizio sanitario nazionale”, commenta segretario nazionale Nursind Andrea Bottega.

Dal sondaggio emerge infatti che, nonostante gli inevitabili disagi che ha subito, il 62% dei cittadini ha appoggiato gli scioperi nazionali indetti dal personale sanitario nei mesi scorsi, dimostrando di essere ben consapevole sia delle condizioni precarie degli infermieri sia della necessità di stanziare risorse adeguate per il rinnovo dei contratti, oltre che delle conseguenze peggiorative della riforma pensionistica contenuta in Manovra. Il sondaggio Swg ha esplorato, inoltre, l’opinione dei cittadini rispetto alla decisione dell’Esecutivo di assumere infermieri dall’estero per cercare di arginarne la cronica carenza e rispetto a quella di abbandonare il Ssn italiano e andare a lavorare fuori dall’Italia che sempre più professionisti stanno prendendo. Se un quarto del campione non condivide il ricorso a lavoratori stranieri, di contro oltre la metà degli italiani (60%) giustifica con gli stipendi bassi la scelta di emigrare da parte degli infermieri.

“Proprio le retribuzioni non all’altezza insieme alla scarsa valorizzazione del lavoro – riflette Bottega – sono, rispettivamente per l’84 e 81% degli intervistati, le principali ragioni delle dimissioni precoci, un fenomeno che purtroppo sta assumendo dimensioni preoccupanti”. Tuttavia, “non possiamo non comprendere quel 22% degli interpellati secondo cui il personale non dovrebbe abbandonare la sanità italiana proprio perché gli infermieri per primi se decidono di trasferirsi oltre confine lo fanno a malincuore. Ragione per cui – conclude il segretario – basterebbe la buona volontà politica di investire seriamente sulla categoria per cominciare a invertire il trend. Una rotta che, altrimenti, porterà dritti allo smantellamento della sanità pubblica”.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

‘Sordità pandemia silenziosa’, 7 milioni di italiani con problemi udito, il 30% è over 70

Roma, 1 mar. (Adnkronos Salute) – I problemi dell’udito interessano 7 milioni di italiani (quasi …

Obesi 5,6 mln italiani, esperti: “Dolcificanti utili per ridurre calorie”

Roma, 27 feb. (Adnkronos Salute) – L’obesità in Italia colpisce l’11,4% della popolazione. Un dat…

Smog, in periferie più danni a salute, tassi decesso quasi doppi

Roma, 1 mar. (Adnkronos Salute) – La cappa di smog che aleggia sulle nostre città sta diventando …

In Italia 1 mln di caregiver al fianco di chi ha disturbi del linguaggio

Milano, 1 mar. (Adnkronos Salute) – Un milione di italiani ‘angeli custodi’ delle persone con dis…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI