app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app

‘Sordità pandemia silenziosa’, 7 milioni di italiani con problemi udito, il 30% è over 70

1 Marzo 2024

Roma, 1 mar. (Adnkronos Salute) – I problemi dell’udito interessano 7 milioni di italiani (quasi il 12% della popolazione). In 3 casi su 10, hanno più di 70 anni. Spesso dovute a malattie trascurate, le patologie auricolari possono essere curate, se diagnosticate in tempo, e per questo serve un nuovo approccio assistenziale basato su prevenzione, visite specialistiche e nuove linee guida. Sono alcuni dei temi affrontati oggi a Roma nel corso della conferenza stampa ‘Sordità: una pandemia silenziosa’, organizzata in occasione della terza giornata nazionale SIOeChCf–Siaf di sensibilizzazione sulle malattie dell’orecchio e disturbi uditivi, su iniziativa della Società italiana di otorinolaringoiatria e chirurgia cervico-facciale (SIOeChCF) e della Società italiana di audiologia e foniatria (Siaf).

L’iniziativa, che si è svolta in condivisione d’intenti con la Giornata mondiale dell’udito istituita dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), è stata occasione per abbattere lo stigma e la ritrosia che circonda la perdita di udito (ipoacusia), promuovendo un cambiamento di prospettiva sulla cura dell’udito e incoraggiando un approccio proattivo. La salute dell’udito è infatti una priorità riconosciuta della salute pubblica e c’è bisogno di aumentare la consapevolezza riguardo alla sua importanza. Spesso – sottolineano gli esperti – si pensa alla perdita di udito come a una malattia da curare con apparecchi acustici a prescindere dalla causa. Ma non è così. La perdita di udito è in realtà un sintomo di diverse condizioni patologiche che possono essere risolte se diagnosticate in tempo, ma che diventano permanenti se trascurate. Per questo, al primo segnale, è assolutamente necessario farsi visitare da un medico otorinolaringoiatra o da un medico audiologo: le uniche figure che possono diagnosticare la tipologia del problema e individuare la cura corretta.

La sordità può essere causata da una serie di condizioni. “Si va dalle malattie genetiche ed ereditarie come l’otosclerosi – spiega Giovanni Danesi, già presidente di SIOeChCf – alle otiti croniche sia dell’infanzia che dell’adulto, che devono essere tempestivamente trattate onde prevenire un decadimento neurale dell’udito, alle patologie infettive virali e non, come la meningite che può portare a sordità e che deve essere trattata tempestivamente prima che la coclea venga ossificata, fino alle patologie tumorali benigne come i tumori del nervo acustico”.

Queste patologie “devono essere oggetto di sorveglianza continua mediante campagne di screening o di sensibilizzazione collettiva – evidenzia Danesi – affinché una diagnosi precoce sia possibile, trattandosi di condizioni tempo-dipendenti. Proprio dalla mancanza di un corretto inquadramento diagnostico e terapeutico nasce l’esorbitante costo sociale della sordità – calcolabile in circa 36 miliardi di euro all’anno – e dovuta a costi assistenziali, disabilità e assistenza relativa, accompagnamento del paziente con ritardo cognitivo, astensione dal lavoro, costi sanitari e riabilitativi e relativo indotto”.

Come conferma Domenico Cuda, direttore dell’Unità operativa di Otorinolaringoiatria all’ospedale di Piacenza ex presidente della SIOeChCf, “molte persone arrivano tardivamente alla diagnosi con conseguenze non sempre rimediabili. Altre persone, invece, adottano soluzioni non appropriate rischiando di lasciare non diagnosticate malattie potenzialmente gravi”. Sono “numeri sempre più in crescita – aggiunge Sara Ghiselli, specialista in audiologia e foniatria, dirigente del dipartimento ospedaliero di otorinolaringoiatria, Ambulatorio Centro impianti uditivi dell’Ospedale ‘Guglielmo da Saliceto’ di Piacenza – Stiamo affrontando una pandemia le cui conseguenze includono una diminuzione della socialità, del benessere e delle capacità cognitive, con il rischio di deterioramento mentale negli anziani e ritardi nello sviluppo linguistico nei bambini. Parliamo di pandemia ‘silenziosa’ non solo perché si tratta di deficit dell’udito, ma anche perché si riferisce a patologie trascurate che richiedono attenzione urgente da parte delle istituzioni”.

Tornando ai dati, Nicola Quaranta, presidente Siaf, ricorda che “il 30% dei soggetti oltre i 70 anni presenta una perdita uditiva” e, citando studi recenti, ricorda che “la perdita uditiva in età adulta rappresenta un rilevante fattore di rischio, modificabile per lo sviluppo del decadimento cognitivo nell’anziano. La diagnosi e il trattamento precoce dell’ipoacusia mediante protesi acustica e impianto cocleare possono rallentare e prevenire il decadimento cognitivo dell’anziano”. Attualmente “l’ipoacusia colpisce oltre 1,5 miliardi di persone, ovvero il 20% della popolazione mondiale”, rimarca Stefano Berrettini, Università di Pisa, ex presidente Siaf, riportando i dati del recente ‘Word report on hearing’ dell’Oms del 2021.

Anche se “nella maggior parte dei casi si tratta di forme lievi – continua Berrettini – una parte sostanziale dei pazienti, circa 430 milioni, presenta una ipoacusia moderata, grave o profonda che, se non adeguatamente gestita, può avere un impatto negativo sulla capacità di svolgere le attività quotidiane e sulla qualità della vita”. Un deficit uditivo in età infantile, “se non diagnosticato e trattato precocemente e adeguatamente, può avere conseguenze negative sullo sviluppo delle abilità uditive e del linguaggio, ma anche sugli apprendimenti, sullo sviluppo psicologico e globale del bambino, con inevitabili future ripercussioni sull’inserimento sociale e lavorativo”. In particolare, l’ipoacusia colpisce “1-2 neonati su mille, ma la prevalenza sale di 10-20 volte se consideriamo” quelli che hanno avuto “un ricovero in terapia intensiva neonatale. Dai 5 ai 9 anni la prevalenza sale all’1,5% e all’1,7% tra i 9 e 14 anni. Oggi, grazie allo screening audiologico neonatale, i bambini con deficit uditivi possono avere uno sviluppo linguistico e globale che si avvicina molto a quello dei coetanei normoudenti”.

Il presidente SIOeChF, Piero Nicolai, sottolinea l’impegno della società scientifica “nell’organizzazione di iniziative nelle quali si sensibilizza l’opinione pubblica nei confronti delle tante patologie che gli specialisti del settore affrontano. Non trattare la sordità in età avanzata aumenta di più di 5 volte il rischio di demenza in questi pazienti”. Sull’importanza della gestione della sordità nell’ambito geriatrico, l’ex presidente della Società italiana di geriatria ospedaliera e territoriale (Sigot), Alberto Pilotto, richiama l’importanza, negli anziani, di “includere” nella “valutazione multifunzionale anche la valutazione dell’udito”.

In chiusura, Cuda ha sollevato la questione cruciale dell’istituzione di un Osservatorio nazionale sulla sordità, affermando che “dobbiamo prestare attenzione ai dati e ai trend in crescita e affrontare con competenza specialistica il problema dell’ipoacusia. Attualmente, si osserva una mancanza di consapevolezza e un’incoerenza nella diagnosi e nella gestione della perdita uditiva. L’istituzione di un Osservatorio nazionale sulla sordità, che riunisca periodicamente non solamente i professionisti ma tutti gli stakeholders coinvolti, potrebbe garantire una gestione adeguata di questa sfida in continua evoluzione”. Alla conferenza stampa, in sala Nassyria hanno partecipato anche la senatrice Elena Murelli, componente Commissione Affari sociali, che ha introdotto per un saluto da remoto l’onorevole Marcello Gemmato, sottosegretario di Stato alla Salute, e i sentori Giovanni Satta, Orfeo Mazzella, entrambi membri della X Commissione permanente, insieme all’onorevole Ilenia Malavasi, componente della XII Commissione della Camera Affari sociali.

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Malattie rare, Rondena (Novartis): “Terapia genica blocca progressione Sma 1 e 2”

23 Aprile 2024
Roma, 23 apr. (Adnkronos Salute) – “La Sma rappresenta una malattia genetica devastante per i paz…

Malattie rare, Sla: ok del ministero della Giustizia al diritto comunicazione non verbale

23 Aprile 2024
Roma, 23 apr. (Adnkronos Salute) – Il ministero della Giustizia ha confermato ufficialmente le co…

Malattie rare, per la Sma nuove prospettive di cura con l’ok Aifa ad ampliamento della terapia genica

23 Aprile 2024
Roma, 23 apr. (Adnkronos Salute) – I piccoli pazienti con atrofia muscolare spinale (Sma) e le lo…

Malattie rare, Pane (Cattolica): “Terapia genica per Sma 1 e 2 rivoluzione copernicana”

23 Aprile 2024
Roma, 23 apr. (Adnkronos Salute) – “Ogni anno in Italia nascono tra i 20 e i 30 bambini con Sma, …

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI