app-menu Social mobile

Skip to main content
Scarica e leggi gratis su app
Due anni di guerra in Ucraina

Due anni di guerra in Ucraina

Il 24 febbraio saranno due anni di guerra in Ucraina. 24 mesi di sofferenze e inumanità che hanno cambiato il nostro mondo. Vorremmo provare a concentrarci su presente e futuro
|

Due anni di guerra in Ucraina

Il 24 febbraio saranno due anni di guerra in Ucraina. 24 mesi di sofferenze e inumanità che hanno cambiato il nostro mondo. Vorremmo provare a concentrarci su presente e futuro
|

Due anni di guerra in Ucraina

Il 24 febbraio saranno due anni di guerra in Ucraina. 24 mesi di sofferenze e inumanità che hanno cambiato il nostro mondo. Vorremmo provare a concentrarci su presente e futuro
|
|
Il 24 febbraio saranno due anni di guerra in Ucraina. 24 mesi di sofferenze e inumanità che hanno cambiato il nostro mondo. Vorremmo provare a concentrarci su presente e futuro
Domani saranno due anni. Non vogliamo scrivere della storia di questi 24 mesi di inumanità che hanno cambiato il nostro mondo, vorremmo concentrarci sul presente e sul futuro. Per ricostruire, apprendere nuovi particolari, provare a capire gli aspetti ancora nebulosi ci sarà tempo e domani dedicheremo ampie riflessioni al secondo anniversario. Quello che ci preme, per non cadere in una meccanica ‘rievocazione’, è iflettere su quanto siamo cambiati e per quanto dovremo fare i conti con la guerra in Ucraina. Conflitto che minaccia di durare a lungo, impantanato in un fronte lunghissimo e sostanzialmente immobile. Senza mai dimenticare che due anni fa si ragionava solo se Kiev sarebbe caduta in tre o sette giorni.

Nonostante le resistenze e le posizioni di chi vorrebbe provare a ‘dimenticare’ l’Ucraina, semplicemente non sarà possibile. Perché è cambiato tutto e non si torna indietro. Il fatto che noi non si abbia responsabilità – esclusa quella di non aver capito con chi stessimo facendo affari, convinti di ‘comprare’ il suo equilibrio – non cambia la sostanza. Una guerra convenzionale in Europa appariva fuori dalla storia ed è invece il nostro presente. L’averla fatta combattere dagli ucraini invasi con le nostre armi e i nostri soldi (intesi americani ed europei, noi abbiamo dato poco) è un altro aspetto con cui fatichiamo a fare i conti. Strano, perché si combatte per difendere i nostri diritti e la nostra libertà. Intendiamoci, ragionare di contrapposizione militare – se non direttamente di conflitto armato – era fuori dall’orizzonte dalla caduta del Muro sino a due anni fa. Un’intera generazione, la nostra, è cresciuta con l’incubo nucleare ma era un’eco lontana, atroce eppure esorcizzata proprio dalla sua enormità. Quella successiva è stata cullata dall’idea di una pace definitiva in Europa, nonostante la mattanza della ex Jugoslavia e il terrorismo. Altre tragedie, altre storie, mentre oggi dobbiamo accettare di ragionare di invasioni di terra e controllo violento di territori sovrani.

C’è qualcuno disposto, con l’eccezione dei putiniani di cui sopra, a dare ancora il minimo credito alle parole dello zar di Mosca? È cambiato l’ordine delle nostre priorità, perché senza sicurezza non ci può essere sviluppo e senza sicurezza la nostra stessa ricchezza è a rischio. Si pensi all’impatto della minaccia così lontana dei terroristi Huthi dello Yemen sul sistema produttivo europeo. Figurarsi l’ombra russa che ha già costretto i Paesi dell’Ue a rivedere i propri piani energetici. Due anni fa il punto numero uno all’ordine del giorno della Commissione era il New Green Deal. Abbiamo dovuto riscrivere tutto e per rispettare gli ambiziosi target, che non erano soltanto fantasie ideologiche, dovremmo rimettere mano all’opzione nucleare. Civile ma ancora oggi ‘radioattiva’ – appunto – per l’opinione pubblica italiana o almeno sue ampie porzioni. Visto che ci siamo, anche il tema del nucleare militare è stato resuscitato da Putin e dalle sue follie espansionistiche: l’ombrello americano resta e i recenti timori sono legati alle estemporanee dichiarazioni di un politico rancoroso e vendicativo. Detto questo, nulla si può escludere e certe domande converrebbe porsele prima che dopo. Tipo: «La deterrenza nucleare francese tutela soltanto gli interessi transalpini o potrebbe diventare parte di un futuro schema di difesa europea?», «Che rapporti militari costruiremo con la Gran Bretagna, non più nell’Unione ma Paese fratello e alleato?». Non sono ipotesi di scuola, non più.

Una presa di coscienza dei cittadini è improcrastinabile: questo non significa terrorizzare o usare Putin come l’uomo nero delle favole dei bambini, ma un bagno di realtà e consapevolezza aiuterebbe tutta la classe politica a essere meno timida nel dire la verità. Che non fa mai male, ma può far perdere tanti punti nei sondaggi e un bel po’ di voti. Questo lo sappiamo, ma chi aspira all’onere e onore di guidare un Paese avanzato non può limitarsi a invocare la pace. Perché così prepara la guerra.

di Fulvio Giuliani

La Ragione è anche su WhatsApp. Entra nel nostro canale per non perderti nulla!

Leggi anche

Una lezione ‘repubblicana’ per Trump

23 Aprile 2024
Gli aiuti sbloccati dagli Usa verso Kiev, al voto oggi in Senato, si sono rivelati un boomerang …

Melesia, scontro tra due elicotteri militari

23 Aprile 2024
È di 10 morti il bilancio dello scontro di questa mattina tra due elicotteri militari in Malesia…

Attacco russo a Kharkiv (Ucraina) colpisce la torre della televisione

22 Aprile 2024
A Kharkiv (Ucraina) un attacco aereo russo ha colpito la torre della televisione causando l’inte…

Si è dimesso Aharon Haliva, il capo dell’intelligence militare di Israele

22 Aprile 2024
Le parole scritte da Aharon Haliva, ormai ex capo dell’intelligence militare di Israele, nella l…

LEGGI GRATIS La Ragione

GUARDA i nostri video

ASCOLTA i nostri podcast

REGISTRATI / ACCEDI